Calcio, Lippi: Non tornerò a allenare club, mi piacerebbe fare Europeo

Roma, 22 dic. (LaPresse) - "Ho preso la mia decisione e la mantengo. Non faccio più l'allenatore di club. Quanto finirò la mia esperienza in Cina e tornerò in Italia se ci sarà una nazionale che mi piace e con un programma serio che mi permetterà di fare l'Europeo allora magari lo farò ma non un club". Lo dice l'ex tecnico dell'Italia, Marcello Lippi, ai microfoni di 'Radio Anch'io Sport'.

"Conte è un trascinatore, un guerriero ed un combattente nato. Molti mi hanno chiesto un parere sulla questione degli stage della nazionale. Dico che fra le cose che il Commissario Tecnico vorrebbe non mi sembra la più importante anche se è utile. Contano di più le date. Anticipare l'inizio del campionato pre Europeo per avere 15 giorni in più di preparazione ed il rapporto costante con gli allenatori dei club", dice ancora l'ex tecnico della nazionale campione del mondo a Germania 2006.

"Io - ricorda - avevo parlato con i tecnici dicendogli che i giocatori più importanti, quelli che fanno tutte le partite, se possibile dovevano essere risparmiati nelle amichevoli non tanto per stanchezza ma per permettergli di allenarsi". Tornando poi sull'argomento stage il viareggino argomenta che: "Se un allenatore dice sì la società non si permette di discutere".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata