Calcio, Conte dichiara guerra alla Cina: Il potere dei soldi è pericoloso
Il tecnico del Chelsea attacca: "Il mercato cinese è un pericolo per tutte le squadre del mondo"

L'enorme potere di spesa del calcio cinese è un pericolo per gli altri club del mondo. Ne è convinto il manager del Chelsea Antonio Conte parlando del possibile trasferimento del centrocampista brasiliano Oscar allo Shanghai SIPG dopo aver ricevuto una super offerta da 52 milioni di sterline. Il regista brasiliano, in passato nel mirino anche di Juve e Inter, non trovando spazio nel Chelsea, ha fatto capire che "al 90% è determinato" ad andarsene. "Il mercato cinese è un pericolo per tutte le squadre del mondo", ha attaccato Conte nella conferenza stampa in vista della gara del Chelsea contro il Crystal Palace.

"Non conosco la situazione, così dobbiamo aspettare", ha dichiarato ancora Conte a proposito del futuro di Oscar. "Noi dobbiamo restare concentrati sul nostro lavoro e non pensare che con un sacco di soldi possono portarci via i nostri giocatori", ha proseguito il tecnico italiano. Oscar sarebbe solo l'ultimo dei giocatori brasiliani a lasciare il Chelsea allettati dalle munifiche offerte provenienti dalla Cina. In precedenza Ramires ha lasciato Stamford Bridge per firmare con lo Jiangsu Suning per circa 25 milioni di sterline. "A volte, quando c'è una super offerta è importante prendere la decisione migliore per il club, anche se la situazione può penalizzarti", ha concluso Conte.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata