Calcio, Abodi replica a Lotito: In Serie B sale e scende chi merita

Milano, 13 feb. (LaPresse) - "Da noi in B sale e scende chi merita, la storia del nostro campionato, anche recente, lo dimostra. Al netto degli errori di tutti gli attori che fanno parte del gioco, ai quali deve essere concesso il diritto di sbagliare, senza equivoci e cattivi pensieri, sentendo il dovere di migliorare, ogni giorno". Il presidente della Lega Serie B Andrea Abodi prende ufficialmente posizione con un comunicato stampa in merito alla telefonata tra il presidente della Lazio Claudio Lotito e il dg dell'Ischia Calcio Pino Iodice, il cui audio è stato pubblicato questa mattina da 'Repubblica'. "Sento il dovere di rispondere alle tante persone che da questa mattina si domandano e mi domandano cosa pensi della telefonata pubblicata oggi da un autorevole quotidiano. Penso prima di tutto che il calcio, come lo intendo io e come ho cercato di dimostrare insieme alla nostra 'famiglia sportiva' della Serie B in questi quattro anni, sia altra cosa dall'immagine che appare - ha esordito il numero uno del campionato cadetto - Ma bisogna dimostrarlo, dobbiamo dimostrarlo. Non me la sento di giudicare nessuno, nel rispetto dei rapporti personali e umani, non è il mio ruolo. Sarebbe troppo facile. Ma non posso e non devo tradire principi e Valori che mi hanno insegnato, trasmesso e lasciato in eredità i miei genitori e allora parlo di contenuti, senza generare equivoci".

Abodi ha proseguito spiegando che "credo nel calcio vero, quello del campo, nobilitato dalla passione e dalla presenza della gente, dei nostri tifosi senza i quali saremmo un'altra cosa e certamente non migliori - ha aggiunto - In Serie B abbiamo dimostrato che si può essere 'grandi' anche a prescindere dalle dimensioni, perché conta il merito, conta il progetto sportivo, contano le persone. E, grazie a Dio, la classifica del nostro Campionato è la dimostrazione tangibile di quanto sto dicendo. È calcio vero". Parlando della propria Lega il presidente della Serie B ha sottolineato che "certamente abbiamo tanti problemi da risolvere, anche finanziari, ma abbiamo anche idee chiare, voglia, determinazione e comunione d'intenti: questa è la Serie B con i suoi 22 Club, tutti diversi e, al tempo stesso, tutti uguali: nei diritti e, soprattutto, nei doveri, verso le regole, il calcio e, cosa più importante, verso la nostra gente - ha sottolineato Abodi - Chi ama il calcio oggi ha sicuramente voglia di dire, di cantare: Forza Carpi! Forza Frosinone! Ma noi crediamo, con grande serenità e determinazione, che è 'solo' il momento di ribadire con forza e passione: w il calcio vero! Vince chi merita! Ognuno risponda di quello che pensa, dice e fa, perché non mi piacciono le condanne collettive, i 'daspo' di gruppo. Adesso è ancora di più il tempo di fare chiarezza, di mettere ordine e uscire dagli equivoci, consapevoli e convinti che i nostri 'fatturati', sportivi, sociali e finanziari, dipendano prima di tutto dalla credibilità e dalla reputazione". Il numero uno della Lega Serie B ha concluso spiegando di aver voluto "'rispetto' ovunque nel nostro Campionato, sulle maglie, sul campo e sui nostri mezzi di comunicazione, perché è alla base della vita. Vale nei confronti del che è stato, è e sarà. Nonostante le umane debolezze e le umane miserie, che vanno prevenute e contrastate. Con serena e tempestiva determinazione", scrive Abodi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata