Calcio a 5, finali Scudetto: Luparense e Acqua&Sapone si sfidano per il titolo | Live
Le migliori squadre della Serie A lotteranno al meglio delle cinque gare dopo aver dominato stagione e playoff. Miarelli, Mammarella, Taborda Murilo, e Bertoni tra i protagonisti. Out, per gara 1, il capitano della Luparense Humberto Honorio

Divisione calcio a 5: ultimo atto. Dopo un anno di egemonia, Luparense e Acqua&Sapone scenderanno in campo per decidere chi vincerà lo Scudetto (differita su LaPresse dalle 22:30 di lunedì 28 maggio). Una sfida, al meglio delle cinque gare, già vista in finale di Coppa Italia dove gli abruzzesi sollevarono il trofeo in faccia ai veneti. Nonostante quella sconfitta, anche quest’anno la Luparense, sotto la guida dello spagnolo David Marin, ha dimostrato di essere una squadra fatta per le grandi sfide e va a caccia del settimo Scudetto, il secondo consecutivo, per arricchire la bacheca più ricca del futsal italiano. Di fronte, però, troverà un gruppo costruito per vincere e voglioso di cucirsi sul petto il primo tricolore.

Sarà una serie equilibrata, come lo è stata tutta la stagione regolare. In campionato, chiuso a pari punti, una vittoria a testa, così come nelle Coppe anche se quella dell’Acqua&Sapone ha garantito un trofeo. La Luparense avrà il vantaggio di iniziare in casa grazie alla migliore differenza reti e, se si arriverà a gara cinque, potrà chiudere i conti davanti al suo pubblico. Merito dei 128 gol segnati in stagione che hanno garantito il primo posto ai ragazzi di David Marin nonostante l’Acqua&Sapone abbia chiuso con la seconda miglior difesa del campionato dietro al Napoli.

Tanti i duelli attesi, a partire da quello in panchina tra David Marin e Tino Perez, due allenatori diversi per stile di gioco ma simili per carattere e passione sul parquet. Sfida nella sfida per i due portieri della Nazionale italiana, Michele Miarelli e Stefano Mammarella, da anni punti di riferimento per Luparense ed Acqua&Sapone, capaci in più di un’occasione, di rimediare agli errori dei compagni. E ancora Pablo Taborda e Gabriel Lima, leader emotivi delle due squadre, o Borja Blanco e Pinto Jonas, bomber a sorpresa nei playoff. Il primo guida la classifica marcatori con sei gol, grazie ai rigori, decisivi, segnati contro la Came Dosson in semifinale mentre Jonas è stato capace di arrivare a cinque partendo quasi sempre dalla panchina. Infine sarà la sfida tra i due capitani, Humberto Honorio, costretto a saltare gara 1 per squalifica, e Murilo. In campo anche Edgar Bertoni, grande ex della Luparense, alla nona finale consecutiva in Serie A. Un record straordinario per un giocatore di quasi 37 anni, sempre protagonista, che proverà a regalare all’Acqua&Sapone il trentacinquesimo Scudetto del futsal italiano.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata