Cagnotto: "Riprendo allenamenti per Tokyo, ma voglio un altro figlio"
La grande tuffatrice ricomincia la preparazion e con la Dallapé per la gara di sincro. Con qualche dubbio

"Vivo solo per Maya", racconta a 'Gente', in edicola da venerdì 24 agosto, Tania Cagnotto, che presenta la figlioletta, nata sette mesi fa dal matrimonio con Stefano Parolin. "Ho partorito in acqua e lei ama già molto la piscina: possiamo dire che è da sempre un pesciolino". La tuffatrice annuncia poi al settimanale che in autunno tornerà ad allenarsi, assieme a Francesca Dallapè, in vista dei Giochi di Tokyo 2020. "Non ne volevo sapere, ma devo dire che da un mesetto la sfida mi stuzzica".

Ora si stanno facendo strada Elena Bertocchi e Chiara Pellecani, (quest'ultima ha appena 15 anni) che hanno vinto l'oro agli Europei di Glasgow nella stessa specialità di Cagnotto e Dallapè. "La loro vittoria mi ha fatto riflettere perché, dovessimo qualificarci, mi dispiacerebbe togliere loro spazio", dice Tania. E conclude: "Mi piacerebbe un secondo figlio. Magari, sempre se dovessimo qualificarci, dopo Tokyo. Ma se rimango di nuovo incinta, rinuncio al podio. Un figlio vale più di qualsiasi medaglia".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata