Cagliari batte Pescara 2-1

Il Cagliari batte il Pescara e tenta la fuga. Nel big match della 27/a giornata del campionato di Serie B i sardi superano in rimonta 2-1 gli abruzzesi e volano momentaneamente a +6 sul Crotone secondo, in campo domani a Salerno. Un successo pesante per i ragazzi di Rastelli, il quinto consecutivo, contro la terza forza del campionato, che complici i risultati favorevoli sugli altri campi rimane saldamente al terzo posto. Pronti-via e gli ospiti passano in vantaggio: grazie a uno splendido schema su calcio di punizione Torreira riceve palla sull'out destro e trafigge Storari in uscita. Il Pescara non si accontenta di un gol e sfiora nei minuti successivi il raddoppio in un paio di situazioni, all'8' con Lapadula e al 16' con Benali che manca l'aggancio vincente. Il Cagliari è in evidente affanno e rischia ancora più volte, ma Lapadula non trova lo spiraglio giusto. I padroni di casa tentano una reazione con un colpo di testa di Joao Pedro, che termina sul fondo. Sul finire del primo tempo una palla gol per parte, con i due portieri, Aresti e Storari, che si esaltano sui tentativi di Joao Pedro e Lapadula.


Nella ripresa si rivede tutto un un altro Cagliari. Joao Pedro spedisce la palla sul fondo, al 4' Melchiorri con un'azione personale colpisce in pieno la traversa. Al 15' Storari salva sul solito Lapadula e sul ribaltamento di fronte i sardi trovano il pareggio con Farias, che solo davanti al portiere non sbaglia. La capolista continua a premere e al 20' Aresti si supera con un doppio intervento su Melchiorri e Aresti. Tre minuti dopo sugli sviluppi di un calcio d'angolo il Cagliari passa in vantaggio in maniera un po' fortuita grazie a un'autorete di Lapadula dopo una prima deviazione di Giannetti. Nel finale l'attaccante del Pescara tenta di riscattarsi senza successo. Il Cagliari vince e continua la sua corsa verso la promozione.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata