Bundesliga, Wolfsburg ko: Bayern Monaco campione di Germania per la 25/a volta

Berlino (Germania), 26 apr. (LaPresse) - Il Bayern Monaco si laurea campione di Germania con quattro giornate di anticipo sulla fine della Bundesliga. Decisiva la sconfitta del Wolfsburg per 1-0 sul campo del Borussia Moenchengladbach. La squadra di Pep Guardiola mantiene infatti i 15 punti di vantaggio e non potrà più essere raggiunta. Per il Bayern è lo scudetto numero 25 nella sua storia, il secondo consecutivo con il tecnico spagnolo in panchina.

A Moenchengladbach i padroni di casa si prendono i tre punti grazie ad un gol di Max Kruse al 90', abile a beffare Diego Benaglio con un morbido pallonetto. Con questa vittoria il Borussia scavalca il Bayer Leverkusen al terzo posto con 57 punti, il Wolfsburg resta secondo con 61. Nell'altra gare del pomeriggio, il Paderborn ha pareggiato 2-2 contro il Werder Brema e lascia lo Stoccarda da solo all'ultimo posto. Padroni di casa avanti 2-0 con le reti di Vrancic e Stoppelkamp nel primo tempo, la rimonta del Werder con Selke e Hajrovic.

"È grandioso difendere il titolo e non posso che congratularmi con il nostro allenatore e i giocatori", ha dichiarato il presidente del Bayern Karl-Heinz Rummenigge dopo la matematica vittoria della Bundesliga. "Hanno fatto molto bene in un anno dopo una Coppa del Mondo in cui molti dei nostri giocatori erano impegnati", ha aggiunto. Il Bayern può concentrarsi ora sulla super sfida nelle semifinali di Champions League contro il Barcellona, ex squadra di Pep Guardiola, e sulle semifinali di Coppa contro il Borussia Dortmund. Nonostante gli infortuni in serie a giocatori chiave per tutta la stagione, tra cui Bastian Schweinsteiger, Franck Ribery, Arjen Robben e Philipp Lahm, il Bayern ha mostrato nervi d'acciaio smantellando qualsiasi avversario. La squadra di Guardiola ha perso solo due volte finora e subendo appena 13 gol in 30 partite, un record per la Bundesliga. "Senza dubbio faremo grandi festeggiamenti. Ma tutto al momento giusto", ha concluso Rummenigge.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata