Boxe, Mayweather si aggiudica il 'match del secolo': Pacquiao sconfitto ai punti

Las Vegas (Nevada, Usa), 3 mag. (LaPresse) - Lo statunitense Floyd Mayweather Jr ha battuto il filippino Manny Pacquiao ai punti con decisione unanime dei giudici nell'incontro di pugilato definito il 'match del secolo', che si è disputato nella MGM Grand Garden Arena di Las Vegas davanti a un pubblico di migliaia di spettatori. Mayweather ha consolidato il suo posto nel pantheon dei grandi della boxe con 48 match vinti su 48. Per questo incontro Mayweather ha ottenuto 120 milioni di dollari e Pacquiao 80 milioni di dollari.

I giudici hanno assegnato la vittoria a Mayweather con il punteggio di 118-110, 116-12, 116-112. Lo statunitense, che ha riconquistato i titoli Wbc, Wba e Wbo, ha dominato il match. Gara all'attacco per Pacquiao si è messo in evidenza soprattutto nel quarto round. L'evento è stato posticipato di quasi un'ora, a causa dei problemi tecnici che si sono verificati per l'eccesso di richiesta nella trasmissione pay per view. Il filippino ha però gettato un'ombra sui punti conclusivi che hanno deciso il successo di Mayweather, sostenendo di considerare come rinviata la resa dei conti nei pesi welter a causa di un infortunio alla spalla.

Pacquiao ha infatti accusato uno strappo muscolare tre settimane fa e ha chiesto il permesso della Commissione Atletica del Nevada per poter assumere un antidolorifico, ma la richiesta è stata respinta. Nella conferenza stampa al termine del match, Pacquiao ha confessato di essersi nuovamente infortunato alla spalla e che questo problema gli ha impedito di sferrare pugni con la mano destra. "Avevamo intenzione di rinviare, perché per due settimane non mi sono allenato bene", ha spiegato il filippino. "Non sono riuscito a fare quello che volevo a causa della mia spalla. Dal terzo round ho avvertito dolore. Volevo essere più aggressivo, ma - ha aggiunto - ho potuto usare solo la mano sinistra. E' difficile combattere con una sola mano. Ma non ho voluto protestare sul ring. Fa parte del gioco".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata