Borini: Contento di convocazione in Under, non è una bocciatura

Francavilla (Chieti), 10 ott. (LaPresse) - "Mi fa piacere essere qui e rigiocarmi la possibilità di andare alla fase finale dell'Europeo. Vivo il mio ritorno in Under non come una bocciatura né come un ripiego, ma come uno stimolo in più per ritornare in Nazionale Maggiore. Questo deve essere l'obiettivo sia per chi come me c'è stato sia per chi ci vuole arrivare". Fabio Borini non perde le speranze di essere nuovamente chiamato da Cesare Prandelli. L'attaccante del Liverpool è impegnato nella preparazione della gara di venerdì sera con la Svezia valida per l'andata dei play off di accesso alla fase finale dei Campionati Europei Under 21. "Siamo un gruppo forte - spiega - pieno di talenti. Molti di noi sono insieme dall'Under 15, siamo molto uniti come gruppo e la qualità di molti dei miei compagni è fuori discussione". Lo spareggio contro la Svezia viene definito dal giocatore "difficile, ero presente - spiega - anche quando abbiamo perso due anni fa contro la Bielorussia e so che ci aspetta un test molto duro, più che sul campo a livello mentale perché bisogna sempre stare pronti sulle due partite. Le possibilità di passaggio alla fase finale sono il 50% perché ci sono due gare da giocare, potremo dire qualcosa di più dopo l'andata".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata