Boateng: Con Cassano Italia può arrivare tra prime 4 ai Mondiali. Crisi Milan? Soffro

Milano, 21 mar. (LaPresse) - "Se gioca Cassano sicuramente la Nazionale italiana può arrivare tra le prime quattro. Antonio è in un momento incredibile. Voglio parlare con Prandelli per dirgli di portarlo in Brasile". Kevin Prince Boateng 'sponsorizza' l'attaccante del Parma in vista dei prossimi Mondiali. E sulla possibilità di portare in Brasile anche Francesco Totti, l'ex centrocampista del Milan, intervistato da 'Verissimo', risponde: "Perché no. Lui è ancora forte, anche se ora è un po' vecchio, ma gioca bene. Anche per la squadra sarebbe un buon segnale, perché lui ha molta esperienza". Boateng, oggi punto di forza dello Schalke, parla anche della crisi della sua ex squadra. "Soffro un po' a vedere il Milan in questa situazione, perché sono ancora un suo tifoso ed è sempre nel mio cuore".

"Seedorf meglio come giocatore o allenatore? Sicuramente meglio come giocatore, perché ha giocato per tanti anni", è l'opinione del ghanese. "Come allenatore ha bisogno di un po' di tempo. Non è facile arrivare in una situazione così al Milan e cambiare le cose in un giorno. Per me può essere un grande allenatore, ma bisogna dargli tempo". Parlando di Mario Balotelli, confida: "Secondo me su di lui c'è troppa pressione. Mario è ancora giovane e, se ha la testa sgombra, è un grande giocatore, ma ha troppa pressione sulle spalle". In quanto alla possibilità di tornare a giocare in Italia, Boateng spiega: "Non so. In Germania mi trovo benissimo perché è casa mia, io sono nato qui. Ma nel mondo del calcio non si sa mai. Io ho vissuto tre anni fantastici a Milano ed è sempre nel mio cuore. Vedremo".

Il giocatore chiarisce poi sulla discussa foto che lo ha ritratto ad un controllo antidoping con una birra e la sigaretta in mano. "Quando si fa il controllo antidoping spesso si beve una birra, così si va in bagno più velocemente", chiarisce. "E, per quanto riguarda il fumo, non è un segreto. Anche se non è la cosa migliore da fare, alla fine di una partita, mi capita qualche volta di fumarmi una sigaretta". Entrando poi nel tema della sua vita privata e della relazione sentimentale con Melissa Satta, alla conduttrice Silva Toffanin che chiede al centrocampista dello Schalke se il prossimo passo dopo la nascita di loro figlio sarà il matrimonio, risponde: "Sì, nel 2015, dopo il Mondiale, possiamo organizzare tranquillamente il nostro matrimonio".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata