Bigon: Napoli ha pensato allo scudetto ma Juve più forte

Torino, 22 apr. (LaPresse) - "Lo scudetto? Noi ci abbiamo sempre pensato, la squadra ha sempre giocato per l'obiettivo massimo, poi è normale ci si confronta con gli avversari, con la loro forza, la loro tenuta. La Juve ha dimostrato di avere grande solidità dal punto di vista caratteriale, oltre che bravura". Cede l'onore delle armi agli avversari il direttore sportivo del Napoli Riccardo Bigon ai microfoni Rai nel corso del programma 'Radio anch'io sport' su Radio 1. "Complimenti a loro, se quella scorsa era stata la stagione dei record questa è andata ancora meglio - ha aggiunto il ds della società campana a proposito della Juventus, ormai a un passo dallo scudetto - Nello sport bisogna essere in grado di applaudire e fare i complimenti a chi ha fatto meglio".

"Il calcio è uno sport pieno di trappole e insidie. Il distacco è buono ma cinque partite sono pericolose - ha ammesso Bigon in merito alla lotta con il Milan per il secondo posto - Dobbiamo concentrarci sul Pescara, andare lì e fare il nostro gioco".

"Cavani?Il calciatore sta bene a Napoli, la città lo ama, lui ama la città. Nessuno vuole far qualcosa per interrompere questo rapporto - ha aggiunto Bigon a proposito di un'eventuale partenza dell'attaccante uruguaiano - Il calciatore non è sul mercato, ha una clausola rescissoria nel contratto, resteremo a vedere, io credo che il tifoso può star tranquillo. Il lavoro, i fatti hanno dimostrato che di questo club ci si può fidare".

"Con Lavezzi avremmo potuto competere per lo scudetto? Non è possibile avere la controprova, ma i numeri dicono che abbiamo fatto 18 punti in più dell'anno scorso, quando Lavezzi c'era - ha evidenziato il ds dei partenopei - Insigne? E' un giocatore di ottima prospettiva, di ottima qualità. E' un classe '91 alla 33esima presenza in Serie A. Ha giocato tutte le partite venendo dalla serie B in una squadra che gioca per le prime posizioni - ha sottolineato Bigon parlando dell'attaccante napoletano decisivo con la rete di ieri al Cagliari - E' stato eccezionale perché la difficoltà a passare dalla Serie B alla Serie A è enorme, lui ha dimostrato di meritare la categoria".

Il ds del Napoli ha anche avuto modo di parlare del futuro del tecnico Walter Mazzarri, il cui contratto è in scadenza a giugno. "Mazzarri è un grande professionista, un valore aggiunto per un club. Noi abbiamo avuto la bravura e la fortuna di averlo. La volontà di tutti è che lui possa continuare con noi - ha ammesso Bigon - Ci siamo dati l'appuntamento a fine stagione, vedremo. Se stiamo pensando a un'alternativa? Io non vedo altri club che stanno scegliendo il nuovo allenatore adesso, non sento questa pressione e questa fretta a tutti i costi".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata