Benitez avverte il Napoli: Torino squadra compatta, sarà match duro

Napoli, 4 ott. (LaPresse) - "La squadra sta bene, la fiducia c'è e la mentalità è giusta. Adesso dobbiamo gestire una partita difficile con il Torino. E' una squadra che palleggia, che ti aspetta, molto compatta e sarà una gara dura, questo è sicuro". Così il tecnico del Napoli Rafa Benitez ha presentato in conferenza stampa l'impegno di campionato con il Torino in programma domenica sera al San Paolo. "Non è facile giocare ogni tre giorni, sappiamo cosa significa, per questo lasciamo sempre un paio di giocatori a casa quando andiamo in trasferta in Europa in modo da avere uomini freschi che si allenano specificamente mentre il resto della squadra gioca - ha aggiunto l'allenatore spagnolo - Chiaramente il turnover diventa fondamentale per coinvolgere tutta la rosa. Solo ruotando tutti gli uomini si può arrivare lontano. Rafael ha mantenuto la sua porta inviolata? Conosciamo bene le sue qualità, ha avuto un lungo infortunio e si sta riprendendo benissimo. Per il portiere è importante la difesa, se la fase difensiva funziona sarà tutto più semplice per lui. Gradualmente mostrerà tutte le sue qualità".

Entrando nel dettaglio della partita con i granata, "il nostro lavoro tattico e mentale è stato finalizzato ad alzare la velocità di manovra perché loro sono molto bravi a tenere palla e ripartire rapidamente - ha proseguito l'ex tecnico del Liverpool - Hanno un allenatore che guida la squadra da anni e sanno bene cosa fare. Se noi alziamo il baricentro e lo facciamo affrettando il pressing rischiamo sui lanci lunghi e sulle seconde palle perché loro sono bravi a fare questo gioco. Quindi ci vorrà massima concentrazione e molta intelligenza". Entrambe le formazioni sono reduci da un successo in Europa League. "Anche loro giocano in Europa ciò rappresenta un successo perché sono tornati dopo tanto tempo in campo internazionale - ha evidenziato Benitez - Noi da parte nostra dobbiamo guadagnare campo, giocare con il cervello e non solo con il cuore. Stavolta come non mai serve avere intensità e pazienza".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata