Basket, Azzurri: Hackett ha violato regole, speriamo impari da errori

Roma, 29 lug. (LaPresse) - Gli atleti che compongono la squadra nazionale senior maschile 2014 di basket hanno voluto dire la loro sul caso Daniel Hackett con una lettera di chiarimento sulla loro posizione. Il giocatore è stato squalificato 6 mesi per aver lasciato senza permesso il ritiro della nazionale. "Dopo aver sentito diverse versioni dell'accaduto, abbiamo atteso l'epilogo della vicenda per raccontare, noi che lo sappiamo, come sono andati realmente i fatti. Tutto ciò solo ed esclusivamente per difendere e tutelare chi, ogni anno, decide di spendere con passione la propria estate al servizio della Maglia Azzurra", si legge nella lettera veicolata ai mezzi di informazione tramite l'ufficio stampa della Federbasket. "Venire in Nazionale significa rispettare certe regole; tra queste comunicare a tempo debito e attraverso lo staff medico del club, le proprie condizioni fisiche; presentarsi al raduno della Nazionale e lasciare che lo staff medico Azzurro possa fare le proprie valutazioni", aggiungono i giocatori della Nazionale.

"Daniel non lo ha fatto - viene spiegato - Sarebbe stato sufficiente attendere un paio di giorni e a quel punto sarebbe stato trattato come succede sempre ad ogni atleta convocato in Azzurro: se viene accertato che le condizioni fisiche non permettono di rimanere all?interno della Nazionale il giocatore viene autorizzato a tornare a casa". "Poi ci sono le regole non scritte tra giocatori e Daniel le ha violate - specifica la lettera - Tra compagni di squadra c?è un codice di rispetto che lui ha infranto. Chiediamo e pretendiamo rispetto da parte di tutti come lo riconosciamo a tutti. Se non si parte da questo presupposto è difficile costruire percorsi virtuosi e durevoli nel tempo, ma solo tragitti impervi e poco chiari".

Gli Azzurri inoltre sottolineano che: "in Nazionale nessuno è mai stato costretto a giocare contro la propria volontà, e le condizioni mediche e fisiche di ognuno sono state sempre valutate attentamente dallo staff tecnico e sanitario e ogni volta sono stati studiati percorsi terapeutici e di recupero consoni alle esigenze di ogni atleta. Mantenere sempre un comportamento corretto è il segnale del profondo rispetto che proviamo nei confronti della Maglia Azzurra, dei compagni e di tutti i professionisti che lavorano intorno alla Nazionale". "Ci auguriamo che Daniel possa imparare dai propri errori e che in futuro non capitino più episodi analoghi che nuocerebbero alla coesione del gruppo. La stessa coesione che storicamente è sempre stata la pietra angolare dei successi Azzurri", conclude la lettera.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata