Nba, Cavs e Houston tornano alla vittoria, Golden State ok con caso Green

I campioni in carica, senza Curry out per uno stiramento inguinale, battono 110-103 gli Atlanta Hawks

Si rialza Golden State dopo la sconfitta nella notte tra lunedì 12 e martedì contro i Los Angeles Clippers di Danilo Gallinari. Gli Warriors superano sul proprio parquet gli Atlanta Hawks per 110-103 con due titolari 'inediti': Quinn Cook, chiamato a sostituire il grande infortunato Steph Curry, out per uno stiramento inguinale, e l'ex biellese Jonas Jereko, autore di 14 e 13 rimbalzi e titolare al posto di Draymond Green. Quest'ultimo è stato sospeso dalla franchigia per una partita in seguito a una discussione con il compagno di squadra Kevin Durant dopo la partita di Los Angeles. Per Green un turno di stop e una trattenuta di un ottantaduesimo dello stipendio, pari a 120.480 dollari (quasi 107mila euro).   

Una lite nata nell'ultimo possesso della sfida contro i ClippersGreen aveva ignorato Durant durante l’ultimo possesso dei regolamentari, non andato a buon fine, ed era stato rimproverato proprio dal secondo e dagli altri compagni di squadra. Conosciuto anche per il suo carattere 'frizzante', Green ha alzato i toni più del dovuto negli spogliatoi ed è stato punito, come ammesso dal general manager Bob Myers: "Ciò che ha fatto ha varcato il limite della sospensione  - ha detto -  e il suo atteggiamento ci ha costretto a prendere provvedimenti: la scelta ha coinvolto me e coach Steve Kerr". Da quando Durant è arrivato in California, Green è apparso più nervoso e aggressivo dentro e fuori dal campo, facendo più volte arrivare il messaggio in maniera diretta al suo compagno di squadra. E la goccia che ha fatto traboccare il vaso è arrivata nel post della sfida contro i Clippers.

Le altre partite della notte. Tra martedì 13 e mercoledì 14 si sono giocate altre due partite: vincono sia Cleveland in casa (113-89 ai Charlotte Hornets) che gli Houston Rockets in trasferta (109-99 ai Denver Nuggets). Per i Rockets grande prestazione di Capela (24 punti e 9 rimbalzi) e del solito James Harden (22 e 11 assist). Bene anche Chris Paul con 21 punti e un'ottima gestione della palla nel finale. I Nuggets mostrano carattere con un Jokic da doppia doppia (14-12), Morris (19), Murray e Harris entrambi fermi a 15 punti.

Per i Cavs la seconda vittoria stagionale. Decide un ottimo Clarkson con 24 punti e 5 rimbalzi con Nwaba e Hood che mettono a referto 18 e 16 punti ciascuno. Agli Hornets non basta la coppia Lamb-Batum (33 punti in due), con Tony Parker apparso in difficoltà fisica.

Le classifiche della Eastern e della Western Conference. A Est sono i Toronto Raptors a comandare in classifica con 12 match vinti e 2 persi, seguiti da Bucks (10-3), Sixers (9-6), Pacers (8-6) e Celtics (7-6). Male i Cavaliers (ultimi con 2-11), i Bulls (12esimi con 4-10) e i Miami Heat, due posizioni sopra a Chicago con 5-8.

A Ovest primi indiscussi sono gli Warriors di Steph Curry, Green e Durant (12-3), seguiti dai Blazers (10-3), Nuggets (9-5), Clippers e Thunder (8-5). Sesti gli Spurs (7-5), solo decimi i Lakers di Lebron James (7-6), ultimi i Phoenix Suns (2-11)

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata