Mondiali, alle 13,30 Italia-Serbia per il primato nel girone
Mondiali, alle 13,30 Italia-Serbia per il primato nel girone

Il match è decisivo per la classifica del girone D. Azzurri già con in tasca il pass per il pre olimpico

E' stata una vigilia serena. Il match contro la Serbia (oggi, ore 13.30 in diretta su Sky Sport) è decisivo per la classifica del girone D ma è anche un test, l'ennesimo, per una Nazionale che non è arrivata al meglio al mondiale ma che nelle prime due uscite ufficiali ha lasciato intravedere netti miglioramenti. La serenità arriva da due convincenti prestazioni e dai primi due obiettivi minimi conquistati sul campo: il passaggio al secondo turno della FIBA World Cup e l'accesso a uno dei quattro tornei pre olimpici del prossimo anno.  La potenza dei serbi, candidati all'Oro, non ha nulla a che vedere con Filippine e Angola ma la pallacanestro giocata dagli Azzurri per larghi tratti fa ben sperare.

 Di segno opposto i due precedenti estivi contro la squadra di Djordjevic: ad Atene, senza Gallinari e Datome, è arrivato un pesante -32 (64-96). Una settimana dopo a Shenyang la Nazionale è rimasta in partita per quaranta minuti guadagnandosi anche l'occasione di vincere, poi però non sfruttata (65-71). Per molti il terzo capitolo della saga Italia-Serbia è già scritto; non così per i ragazzi di Meo Sacchetti, che non hanno dimenticato i due precedenti e che già ieri sera, appena conclusa la partita contro gli africani, si sono focalizzati sulla sfida più dura di questa prima fase. "Una montagna da scalare" l'ha definita Belinelli. "La squadra più forte in circolazione" ha detto Meo. Nessuna di queste definizioni è eccessiva per una formazione che ha talento, fisico e classe distribuiti su tutti i dodici effettivi. Una quantità enorme di soluzioni da utilizzare sotto i canestri e da dietro l'arco grazie a giocatori di primo livello in NBA e in Europa.

 "Sappiamo che non sarà facile - commenta Daniel Hackett - perché hanno una serie incredibile di fuoriclasse. Anche noi, però, abbiamo dei giocatori in grado di fare la differenza. Al momento credo che siano la squadra più forte al mondo ma noi partiamo sereni per rispettare il nostro piano partita. Senza timore proveremo a dargli fastidio". Così, infine, Jeff Brooks: "Dovremo lottare per quaranta minuti con grande intensità. Loro sono una squadra completa e quello che mi impressiona, oltre l'aspetto tecnico, è la grande mentalità che mettono in campo ogni volta che giocano. Sarà dura ma vogliamo fare del nostro meglio".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata