Basket: al via le finali NBA. Il "king" LeBron contro il suo passato
Basket: al via le finali NBA. Il "king" LeBron contro il suo passato

Il campione ricorda con affetto i 4 anni con i Miami Heat: "Essere parte di quella cultura mi ha permesso di crescere"

Cresce l'attesa per le finali NBA al via questa notte con il "king" LeBron in sfida contro il suo passato, i Miami Heat. James sta cercando di riportare i Los Angeles Lakers al titolo per la prima volta dal 2010, mentre gli Heat proveranno a coronare una stagione sorprendente con la loro quarta corona di campioni. "Sono qui per un motivo e un motivo solo, ed è provare a vincere un campionato", ha detto James alla vigilia di gara 1 della sua decima finale, dove cercherà il suo quarto anello di campione. Di fronte troverà il suo ex allenatore a Miami Erik Spoelstra, così come il presidente Pat Riley, indimenticato coach dei Lakers ai tempi dello 'showtime' negli anni '80.

James ha ricordato con affetto i suoi quattro anni a Miami, con due titoli NBA vinti. "Essere parte di quella cultura mi ha permesso di crescere, mi ha permesso di vedere cosa serve non solo per competere per un campionato ma anche per vincere un campionato", ha detto James. "Quindi, mi ha sicuramente messo in una posizione in cui sapevo cosa ci voleva. Ho visto cosa ci voleva. Ma anche io mi sono inserito in quella cultura per quanto ho lavorato duramente. È stata una combinazione perfetta in quei quattro anni", ha aggiunto il fuoriclasse gialloviola. James ha lasciato Miami e da allora ha giocato cinque finali in sei anni, mentre per gli Heat è la prima apparizione alla Finals dopo l'addio della superstar di Akron.

In questo periodo, Miami ha ricostruito la squadra un paio di volte e hanno utilizzato 60 giocatori diversi, con la partenza, il ritorno e quindi il ritiro di Dwyane Wade e la fine prematura della carriera di Chris Bosh per motivi di salute. Coach Spoelstra sta progettando un piano di gioco con la speranza di tenere James sotto controllo, ovviamente. Ciò non significa che non abbia parlato con riverenza quando gli è stato chiesto del miglior giocatore dei Lakers. "Penso solo che sia una vera testimonianza della sua grandezza essere in grado di sostenere questo tipo di successo anno dopo anno", ha detto. "A questo punto della sua carriera, si tratta solo di vincere. E la sua capacità di fare quello che fa alla sua età è incredibilmente rara", ha aggiunto. Una stima reciproca, perchè anche LeBron ha parlato bene del suo ex allenatore: "E' dannatamente bravo, se non eccezionale". Mentre su Riley, LeBron ha detto: "È una brava persona, un grande motivatore, uno che sa cosa serve per vincere".

Heal e Lakers non hanno avuto molti problemi nella 'bolla' di Orlando, entrambi hanno un record di 12-3 nei playoff. Gli Heat, inoltre, sono la prima testa di serie numero 5 a raggiungere le finali e non sono stati esattamente sorpresi di vedere che James è l'ultimo ostacolo tra loro e il Larry O'Brien Trophy. "È così da molto tempo. Se vuoi vincere, dovrai battere una squadra guidata da LeBron James", ha detto la star degli Heat Jimmy Butler, che giocherà la sua prima finale alla sua prima stagione a Miami. "Devi ripetere lo stesso test più e più volte finché non lo superi e quel test è LeBron James", ha aggiunto. Anche l'altra stella dei Lakers Anthony Davis sarà alla sua prima finale NBA, la sua sfida con il lungo di Miami Bam Adebayo potrebbe essere la chiave della serie. "Miami è una squadra speciale, dura, stanno giocando alla grande e con molta fiducia", ha ammonito l'ex Pelicans.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata