Balotelli: Cori razzisti? Spero di no. Record Riva? Ci provo

Praga (Rep. Ceca), 6 giu. (LaPresse) - "Abbracci in caso di cori razzisti? Sarebbe una cosa originale, ma mi consoco e se mi arrabbio anche se mi abbracciano non mi frega niente. Speriamo non succeda mai e che non ce ne siano bisogno, ma sarebbe una cosa originale". Così Mario Balotelli nel corso della conferenza stampa alla vigilia della partita tra Italia e Repubblica Ceca, torna sul tema del razzismo negli stadi. Balotelli chiarisce poi la polemica a distanza di ieri con Usain Bolt: "Come atletà è il mio preferito, è una forza della natura. Comunque lui e il suo agente hanno chiamato il mio procuratore questa mattina. Come sempre la colpa è dei giornalisti, lui non ha detto questo: ha detto che gli sarei stato antipatico se dovessi fare gol al Manchester United".

Poi Balotelli ha parlato del suo ruolo di leader in questa Nazionale: "Tutti siamo dei leader, tutti hanno bisogno di tutti per fare grandi prestazioni. Io in Nazionale ho dimostrato e devo continuare così, ma quello che faccio io lo devono fare tutti. Quello che conta non sono io, ma il gruppo". Infine Balotelli ha parlato del suo compagni di reparto e di squadra Stephan El Shaarawy: "Il prombela è che non ha fatto gol in questa seconda parte di stagione, ma lui ha dato una mano in maniera allucinante ed è stato fondamentale per i miei gol. Magari se c'è un rigore domani glielo lo faccio tirare".

"Il record di gol di Gigi Riva? Oggi eravamo davanti al tabellone dei gol ed El Shaarawy mi diceva che devo arrivare a quota 35. Sono veramente tanti, le partite a disposizione sono poche. Ma io ci provoà", ha concluso Balotelli.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata