Australian Open, Seppi e Vinci al secondo turno. Delusione Errani

Melbourne (Australia), 15 gen. (LaPresse) - Dopo la giornata amara di ieri, primi successi azzurri e anche una grande delusione. Merito di Andreas Seppi nel tabellone maschile e di Roberta Vinci in quello femminile. L'altoatesino, testa di serie numero 23, si è sbarazzato facilmente all'esordio dell'argentino Horacio Zeballos, numero 66 del mondo: 6-2, 6-4, 6-2 in 1 ora e 29 minuti senza concedere nulla al rivale. Seppi, protagonista la scorsa settimana di un ottimo torneo a Sydney (ha raggiunto le semifinali), ha confermato di attraversare un ottimo periodo di forma. Sulla sua strada al secondo turno ci sarà l'uzbeko Denis Istomin, 26 anni e numero 50 Atp. Eliminato invece Filippo Volandri. Il tennista livornese è stato sconfitto in quattro set dal francese Gilles Simon con il punteggio di 2-6, 6-3, 6-2, 6-2 in 2 ore e 7 minuti.

Passando alle donne, la Vinci numero 16 del seeding ha sconfitto al debutto la spagnola Silvia Soler-Espinosa in due set: 6-3, 7-5 in 1 ora e 34 minuti. La 29enne azzurra, che agli Australian Open vanta due terzi turni (2006 e 2010), è in uno spicchio di tabellone interessante: al secondo turno attende la qualificata uzbeka Akgul Amanmuradova. Primo turno amaro, invece, per Sara Errani. La 25enne romagnola, testa di serie numero 7, ha ceduto alla spagnola Carla Suarez-Navarro in due set: 6-4, 6-4 in 1 ora e 29 minuti.

Un sorteggio sicuramente non fortunato visto che l'azzurra aveva di fronte la numero 33 del mondo, quindi la prima delle giocatrici fuori dalle teste di serie. Fuori all'esordio anche Francesca Schiavone, che giocava contro pronostico: l'urna le ha infatti riservato al debutto Petra Kvitova. La ceca, numero 8 del seeding e del mondo, si è imposta sul Margaret Court in tre set: 6-4, 2-6, 6-2 in 2 ore e 3 minuti di gioco. La Schiavone ha comunque tagliato un traguardo prestigioso: era il suo torneo dello Slam numero 50, solo Roger Federer tra i giocatori in attività ne può vantare un numero superiore.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata