Atp finals al via, Federer a caccia di un nuovo record

Londra (Regno Unito), 18 nov. (LaPresse/AP) - Il 2011 dominato da Novak Djokovic potrebbe concludersi con un altro record nella già straordinaria carriera di Roger Federer. In caso di vittoria nelle Atp World Tour Finals al via domenica a Londra, il campione svizzero supererebbe Ivan Lendl e Pete Sampras a quota sei trionfi nel tradizionale Masters di fine stagione. "Si tratta di una motivazione in più", ha detto Federer nella conferenza stampa di presentazione del torneo a cui partecipano i migliori otto giocatori dell'anno. "Aver raggiunto alcuni di questi traguardi è fantastico ed è sicuramente stata una motivazione in più per me cercare di eguagliare o cercare di fare qualcosa di simile a qello che hanno fatto altri grandi campioni", ha aggiunto. "E' bello far parte di un gruppo così ristretto è qualcosa di così raro", ha detto ancora Federer.

Mentre Djokovic è alle prese con l'infortunio alla spalla che ha rallentato la corsa del serbo in una stagione da 69 vittorie, 4 sconfitte e 10 titoli, Federer, il più anziano degli otto in gara con i suoi 30 anni, è in piena forma. Grazie a un pariodo di sei settimane di riposo, il vincitore di 16 prove del Grande Slam è reduce da due titoli consecutivi vinti a Basilea e a Parigi, in modo da ridare lustro ad una stagione piuttosto deludente per i suoi standard.

Scivolato al 4° posto della classifica mondiale dopo aver raggiunto solo una finale dello Slam, i due titoli recenti sono i primi da gennaio. Federer è stato inserito nel gruppo con il francese Jo-Wilfried Tsonga, l'americano Mardy Fish e il suo eterno rivale Rafael Nadal, battuto in finale l'anno scorso per raggiungere Lendl e Sampras. Nei testa a testa tra i due però, Nadal conduce 17-8. "E' una sfida speciale, mi piace sempre giocare contro Rafa", ha detto Federer. "E' ovvio che ricordo con più piacere le vittorie, ma ho anche apprezzato alcune partite perse come la finale di Wimbledon, la finale di Roma, in cui abbiamo combattuto delle epiche battaglie e sono felice che ci ritroveremo di nuovo di fronte qui". Prima del match contro Nadal, Federer affronterà per la settima volta quest'anno Tsonga. Dopo la sconfitta nei quarti di Wimbledon, lo svizzero sa di avere di fronte un avversario pericoloso. "Lui può vincere una partita anche solo con la forza", ha detto Federer, che ha appena battuto Tsonga in finale a Parigi.

La testa di serie numero 1 Djokovic dovrà attendere fino a lunedi per l'esordio nel torneo quando affronterà il ceco Tomas Berdych, mentre Andy Murray se la vedrà contro lo spagnolo David Ferrer sempre nel Gruppo A. Domenica, invece, il torneo si apre con Nadal che torna in campo per la prima volta dalla metà di ottobre e affronterà l'americano Fish per il gruppo B. Il 25enne spagnolo si è preso cinque settimane di pausa "per recuperare fisicamente e mentalmente", dopo la sconfitta a sorpresa contro Florian Mayer a Shanghai. Tuttavia, Nadal ha tenuto a sottolineare che non ha passato questo tempo a pensare a come fermare Djokovic, il giocatore che lo ha battuto in sei finali quest'anno e che gli ha soffiato il posto di numero 1 della classifica.

"Per tutta la vita ho lavorato per me stesso, per migliorare. Io non lavoro tutti i giorni pensando a Novak", ha detto Nadal. "Lui sta disputando una stagione incredibile, ma è molto difficile ripetersi a questo livello nel tennis, è molto, molto difficile", ha aggiunto. "Se riuscirò a migliorare il mio livello, lui non potrà essere sempre a questo livello per tutta la sua carriera. Djokovic non è un obiettivo per me. Per me, l' obiettivo è quello di essere un giocatore migliore rispetto allo scorso anno". In ogni caso, con tre titoli e un'altra finale di Coppa Davis da disputare con la Spagna, Nadal non crede che questa stagione sia stata un disastro. "Ho giocato la finale negli ultimi tre tornei dello Slam e ho disputato una buona stagione. Ho perso qualche partita importante questo è vero ma ho comunque vinto alcuni tornei importanti", ha detto un combattivo Nadal. "Non ho avuto l'anno perfetto, ma ho avuto un anno molto buono", ha concluso il maiorchino.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata