Atletica, Schwazer: A parole ho già chiesto scusa ora servono i fatti
L'altoatesino, scontata la squalifica per doping, domenica in Coppa del Mondo a Roma si giocherà la sua chance per prendere parte ai Giochi di Rio 2016

 "A parole ho già chiesto scusa ora servono i fatti". Lo dice il marciatore Alex Schwazer in un'intervista al Tg1. L'altoatesino, scontata la squalifica per doping dopo la positivita alla vigilia delle Olimpiadi di Londra 2012, domenica in Coppa del Mondo a Roma si giocherà la sua chance per prendere parte ai Giochi di Rio 2016. La sua eventuale presenza in squadra però ha scatenato le critiche di alcuni colleghi come il saltatore in alto Gianmarco Tamberi. "Mi dispiace - dice - perché tanti di questi atleti non li conosco, non ci ho mai parlato e forse non conoscono la mia storia e comunque ci sarà sempre qualcuno che avrà qualcosa da dire anche quando avrò superato il centesimo controllo antidoping".

Schwazer si dice "voglioso di rimettermi in gioco" e fa infine una precisazione: "Non ho mai detto che uno deve doparsi per essere al vertice, io lo sono stato senza esserlo (si riferisce all'oro ai Giochi di Pechino 2008, ndr). Chi ha più talento vince".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata