Atletica, Malagò: Non è un caso di doping, è un tema di procedure

Roma, 3 dic. (LaPresse) - "E' sbagliato parlare di doping perché non è un caso di doping. Il caso di doping è quello che c'è in Russia, qui c'è un tema di procedure che non sono state rispettate sotto il profilo formale". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, commentando i 26 deferimenti per 'eluso controllo' effettuati da parte della procura antidoping Nado Italia verso 26 atleti della nazionale italiana di atletica leggera. "Questo gruppo di atleti non ha compilato correttamente i moduli allora cartacei da inviare via fax a una delle tre commissioni che compongono il mondo dell'antidoping - prosegue a margine della sua lectio magistralis, sul tema della creazione del dossier per la candidatura ai Giochi del 2024 per l'Università degli studi Link Campus University al Foro Italico - non c'è stato un missing nell'effettuare il controllo. Sono solo loro che, nella formalizzazione della reperibilità, non hanno compilato le cose per bene.

"Se mi risultano altre federazioni coinvolte? Non lo so, ho appreso ieri questo dell'atletica ma non so nulla degli incartamenti della Procura - aggiunge - ma dall'inizio di questo quadriennio tutta la metodologia è completamente cambiata anche perché forse gli stessi signori dell'epoca, a livello internazionale e nazionale, si sono resi conto che come tutte le cose si sono evolute sulla base dei riscontri sul campo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata