Alonso trionfa a Valencia e torna in testa al Mondiale

Valencia (Spagna), 24 giu. (LaPresse) - Valencia (Spagna), 24 giu. (LaPresse) - Fernando Alonso sfrutta il 'fattore campo' e si aggiudica il Gran Premio d'Europa di Valencia con una prestazione straordinaria. Tecnica da fuoriclasse, grinta da vendere e l'aiuto della fortuna: è il magico mix con cui lo spagnolo completa una rimonta incredibile che dall'undicesima posizione in griglia lo porta al primo posto del podio. Un successo su cui sicuramente pesano i ritiri di Vettel, Grosjean ed Hamilton, ma sul circuito valenciano Alonso ha sfoderato una prestazione d'altri tempi infiammando il pubblico di casa a suon di sorpassi. La seconda vittoria della stagione permette allo spagnolo di ritornare in vetta alla classifica piloti e di completare, sportivamente parlando, un weekend indimenticabile per gli sportivi spagnoli già in festa per la semifinale conquistata dalla 'Roja' agli Europei a spese della Francia.

Weekend da dimenticare invece per Vettel, che sembrava incamminato ad una gara da dominatore come nella scorsa stagione. Per Hamilton la beffa è ancora più amara visto che in un finale palpitante l'inglese è costretto al ritiro nel penultimo giro dopo un contatto con Maldonado. A Valencia tantissime emozioni, già dalla partenza. Al semaforo verde Alonso fa capire subito di voler fare sul serio e guadagna tre postazioni, salendo all'ottavo posto. In testa Vettel mantiene la testa davanti a Lewis Hamilton. Il tedesco della Red Bull sembra avviato ad estendere da subito il suo dominio sulla gara come accadeva spesso e volentieri nella scorsa stagione. Dopo 10 giri, ha già altrettanti secondi di vantaggio sugli inseguitori, mentre dietro di lui la gara è accesissima. Grosjean supera l'inglese della McLaren e si porta in seconda posizione mentre Alonso si 'scalda' tallonando da vicino Hulkenberg. Il sorpasso è nell'aria e si concretizza al 13° giro, quando lo spagnolo brucia il tedesco e si porta al 7° posto.

Il ferrarista è scatenato: un giro dopo sorpassa Maldonado ed è quinto. Alonso non si ferma nemmeno dopo il primo balletto di pit stop: nel corso del 22° giro passa Di Resta e sale al quarto posto dietro Hamilton mentre davanti Vettel mantiene la testa davanti a Grosjean. Al 28° giro la svolta: dopo un contatto tra Vergne e Kovalainen, in pista entra la safety car per ripulire il circuito dai detriti. Si annulla il vantaggio accumulato fino a quel momento da Vettel: in pratica, tutto da rifare. Ne approfittano Alonso, Grosjean ed Hamilton, che rientrano subito ai box per il secondo cambio gomme. Sosta prolungata per l'inglese della McLaren, che a causa di un problema all'anteriore sinistro perde secondi preziosi. Vettel si ferma invece ai box il giro successivo ma mantiene sempre il comando della gara. Ma è sempre Alonso ad infiammare il pubblico di Valencia: appena uscita la safety car, Alonso brucia Grosjean e sale in seconda posizione. Altro colpo di scena al 34° giro: Vettel si ferma per un problema meccanico, lo spagnolo è in testa. La rimonta, incredibile ed inaspettata, è completata. E non è finita: quattro giri dopo si ferma anche Grosjean, che stava tallonando da vicino il ferrarista.

In seconda posizione sale Hamilton, che schiva la possibile sanzione per un sorpasso durante le bandiere gialle. Se per la prima guida Ferrari tutto fila liscio, non può sorridere l'altra Rossa di Massa. Il brasiliano, protagonista di un contatto con Kobayashi al 34° giro, è costretto a rientrare ai box a causa di un foratura alla gomma destra e rientra al 20° posto. Le emozioni in testa non finiscono: a due giri, Raikkonen sorpassa Hamilton e si porta in seconda posizione. L'inglese della McLaren da qualche giro appariva in evidente difficoltà nella gestione delle gomme e deve guardarsi dall'assalto di Maldonado. Nella manovra di sorpasso del venezuelano, contatto tra le due monoposto, con l'inglese che ha la peggio ed esce di pista. E nel finale spunta persino Michael Schumacher, che va a prendersi il terzo posto, completando un podio formato tutto da campioni del Mondo. Dopo la delusione del Canada, Valencia rilancia le ambizioni di una Ferrari chiamata ora a confermarsi a partire dal prossimo Gran Premio di Silverstone.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata