Alonso: Ad Abu Dhabi l'obiettivo è il podio

Torino, 9 nov. (LaPresse) - "Sono in viaggio per Abu Dhabi, penultima tappa di questa lunga stagione, dove arriverò questa sera. Ormai siamo arrivati alla fine di questo campionato: in ballo c'è ancora il secondo posto nella classifica Piloti ma, se devo essere sincero, sarei molto più contento se riuscissimo ad aggiungere un altro successo a quello conquistato a Silverstone nel luglio scorso", parole di Fernando Alonso nel suo diario pubblicato sul sito della Ferrari.

"Sono perfettamente consapevole che vincere sarà molto ma molto difficile - ha aggiunto Alonso - In quest'ultimo scorcio di stagione i rapporti di forza sono molto chiari ma abbiamo visto anche che ci possono essere delle condizioni tali per cui ci possiamo ritrovare a lottare per la vittoria, com'è accaduto ad esempio a Suzuka. Noi sappiamo che, se facciamo tutto alla perfezione, ce la possiamo giocare per il podio ma il nostro piazzamento naturale in qualifica è rappresentato dalla terza fila. In gara poi le cose possono andare diversamente ma la realtà è questa. L'obiettivo quindi è il podio, un risultato che, fra l'altro, mi permetterebbe di colmare una lacuna nella mia stanza dei trofei, visto che quello di Abu Dhabi è l'unico che mi manca di tutte le gare ancora parte del calendario iridato".

Proprio sul circuito degli Emirati lo spagnolo perse il titolo nella scorsa stagione a favore di Vettel: "Non sarei sincero se vi dicessi che non ci penserò con un po' di disagio domani mattina, quando entrerò per la prima volta nel paddock, ma poi questa sensazione sparirà e lascerà spazio al presente, che vuol dire cercare di far bene in questo fine settimana, e al futuro, cioè a imparare oggi quanto più possibile in vista del prossimo anno - ha detto - E' giusto che sia così perché nello sport, come nella vita del resto, bisogna sempre guardare avanti. Abu Dhabi 2010 è stata comunque una tappa importante nella mia carriera e, ne sono sicuro, il mio rapporto con la Ferrari è diventato, anche attraverso quella brutta giornata, ancora più forte".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata