Allegri: Io a rischio? Non ho niente da rimproverarmi, se lo riterranno opportuno mi avvertiranno

Verona, 10 nov. (LaPresse) - "Sicuramente non ho da rimproverare nulla né a me né ai ragazzi". Così Massimiliano Allegri, al termine del match contro il Chievo, risponde a chi gli chiede se senta la sua posizione in panchina in bilico. "Sono l'allenatore del Milan, se la società lo riterrà opportuno, mi avvertiranno", spiega ai microfoni di Sky Sport. "Io vedo quello che la squadra che sta facendo. Ha fatto una buona partita, ha creato diverse palle gol". La situazione "non influisce, siamo isolati e cerchiamo di fare meglio possibile", ha aggiunto il tecnico toscano a chi gli chiede se la squadra risenta degli ultimi sviluppi societari.

"Cosa ci servirebbe in questo momento? Vincere una partita. Rispetto al match contro la Fiorentina abbiamo creato diverse occasioni. Dobbiamo continuare a lavorare. Ora c'è la sosta, speriamo di recuperare qualche giocatore", ha proseguito Allegri parlando della gara di Verona. "I ragazzi hanno fatto una buona partita, hanno creato molto, concesso poco a parte l'occasione di Thereau nel secondo tempo", spiega il tecnico del Milan. "Abbiamo sbagliato qualche gol, qualche ultimo passaggio. Avevamo nelle gambe la gara di mercoledì e veniamo da situazione non facile". "Ai ragazzi non devo chiedere niente - prosegue l'allenatore rossonero - è mancato il gol ma è stata una buona prestazione. Fare gol e vincere cambierebbe l'opinione sulla prestazione della squadra".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata