Allegri: Ibra ha pagato per tutti, Milan punta alla finale

Milano , 7 feb. (LaPresse) - "Il campo non è il massimo anche se è stato cambiato quasi interamente. Con questo freddo non è facile giocare, purtroppo siamo in pochi ma dobbiamo stringere i denti e cercare di vincere perchè ci teniamo ad andare in finale". Lo ha detto l'allenatore del Milan Massimiliano Allegri nel corso della conferenza stampa alla vigilia del match di Coppa Italia contro la Juventus. "Domani l'importante è far bene e non compromettere il ritorno. Serve grande cattiveria agonistica, grande attenzione perchè è una gara importante. È giusto dire che ci sono il 50% di possibilità di passare il turno", ha aggiunto il tecnico rossonero.

"Questo stop in campionato fa si che Ibra possa fare turnover, ma era meglio non succedeva", ha detto ancora Allegri. Tornando sul gesto dello svedese contro il Napoli e la conseguente squalifica, il tecnico rossonero ha aggiunto: "Purtroppo ha avuto un gesto non bellissimo, anche se spesso capitano cose del genere e non vengono sempre puniti. Diciamo che Ibra ha pagato un pò per tutti. Ora aspettiamo cosa decide il giudice".

Allegri non crede alle statistiche di un Milan comunque capace di fare tanti punti anche senza Ibra. "Le statistiche lasciano il tempo che trovano, l'anno scorso Ibra era stato artefice di tante vittorie perchè non eravamo ancora una squadra. Nella seconda parte, però, la sua assenza si è fatta sentire anche se abbiamo fatto tanti punti. L'anno scorso abbimo perso punti con le piccole e fatti con le grandi, quest'anno avviene il contraio".

Inevitabile parlare anche delle polemiche sollevate dalla Juve dopo il rigore negato dall'arbitro contro il Siena. "Quasi mai, sia la società che io, affrontiamo il discorso arbitri. Si parla tanto di aiutarli e invece alla prima decisione contro viene tirato su un polverone", ha replicato Allegri. "Ripeto, secondo me alla fine dell'annata decisioni pro e contro si equivalgono e andare a ridurre le partite sui singoli episodi non aiuta. Si dovrebbe avere un profilo più sereno", ha aggiunto il tecnico rossonero.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata