Allegri carica Milan: Mai pensato ad esonero, ora battiamo il Genoa

Milano, 26 ott. (LaPresse) - "Pensare all'esonero come liberazione? Tirarmi fuori dalle difficoltà non è nel mio carattere, ho affrontato situazioni peggiori nella mia vita. Sarei io il primo ad andare in società se capissi che la squadra non mi segue. Ma non sta accadendo questo. La soddisfazione più grande sarà quando risaliremo in classifica e passeremo il turno in Champions". Così il tecnico del Milan, Massimiliano Allegri, in conferenza stampa allontana le nuove sul suo destino come tecnico dei rossoneri. "Abbiamo dei limiti, ma siamo stati anche sfortunati in alcune occasioni - ha aggiunto - Ecco perché bisogna continuare a lavorare come stiamo facendo per poter arrivare alla vittoria".

Allegri ha poi parlato della gara contro il Genoa: "Domani è una partita da vincere, dobbiamo creare i presupposti come è accaduto nelle altre partite - ha spiegato - Delneri è bravissimo nella fase difensiva, dovremo avere una pazienza oltre ogni limite e scendere in campo consapevoli che abbiamo 100 minuti per centrare la vittoria. Non dovremo avere frenesia, bensì giocare in modo semplice. Siamo sempre pericolosi, dobbiamo essere più precisi".

Infine una battuta su Silvio Berlusconi: "Il Presidente non è mai stato lontano dal Milan, mercoledì l'ho sentito prima della partita ed ha incoraggiato me e la squadra come sempre. Capisce anche lui il momento e ci è vicino", ha concluso.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata