Agnelli: Applausi a Del Piero all'ultimo anno in bianconero

Torino, 18 ott. (LaPresse) - "Con il nuovo stadio siamo i primi in Italia a raggiungere questo obiettivo e a raggiungere i nostri competitor europei. L'unico legame con il passato resta il nostro capitano Alessandro Del Piero, che ha voluto rimanere un ultimo anno da calciatore della Juventus e a cui dedichiamo tutti un grande applauso". Così Andrea Agnelli ha voluto aprire l'assemblea degli azionisti della Juventus dove è stato approvato l'aumento di capitale da 120 milioni di euro. Una frase tanto forte quanto inaspettata.

Anche dal punto di vista economico il presidente della Juventus si è espresso in maniera chiara: "Il bilancio 2010-2011 presenta una perdita intollerabile - ha detto - ma la società ha già individuato sia le contromisure, che le risorse necessarie per riportare la Juventus ai risultati che le competono. Il nuovo stadio ad esempio - ha spiegato - e' un esempio virtuoso, voluto dalla società dalla metà degli anni novanta e realizzato tra il 2008 e il 2011".

Il piano di rilancio secondo Agnelli passa attraverso sette punti fondamentali: "La nuova organizzazione societaria, il completamento del rinnovamento della prima squadra, il rilancio del settore giovanile, l'ottimizzazione degli investimenti sportivi, l'attività del nuovo stadio, il rafforzamento della capacita di autonoma di generare ricavi e il controllo dei costi di struttura". L'obiettivo è chiaro: "avere la capacita di competere ad alto livello".

Infine un ringraziamento particolare: "Ad Exor che ha già versato la sua quota parte per sostenerci e soprattutto a mio cugino John Elkann, perché è grazie a lui che è nato questo progetto per riportare di nuovo in alto la Juventus".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata