Gli azzurri Vladimir Aceti, Davide Re, Edoardo Scotti e Alessandro Sibilio hanno chiuso la loro semifinale al quarto posto

L’Italia si qualifica per la finale della staffetta 4×400 maschile alle Olimpiadi di Tokyo. Gli azzurri Vladimir Aceti, Davide Re, Edoardo Scotti e Alessandro Sibilio hanno chiuso la loro semifinale al quarto posto con il nuovo record italiano di 2.58.91 (prima volta nella storia sotto la soglia dei 3 minuti), alle spalle di Stati Uniti (2.57.77), Botswana e Trinidad e Tobago. L’Italia si qualifica come ripescata per il miglior tempo tra le escluse. “Si può sognare, cercando di fare qualcosa di più. E’ sempre una finale e può succedere qualsiasi cosa”, hanno commentato in coro gli azzurri ai microfoni di RaiSport.

Il commento degli azzurri

“E’ stato fantastico, una gara stupenda. Eravamo convinti di correre sotto i tre minuti ma non pensavamo oggi. Magari domani in finale. Questa nostra batteria e era come una finale. Sono sicuro che si può fare ancora meglio domani”. Così Davide Re, quattrocentista azzurro dopo l’approdo in finale della staffetta del miglio italiana ai Giochi di Tokyo. “Non pensavo di andare così veloci, ci possiamo giocare qualcosa di importante”, gli fa eco Alessandro Sibilio. “Siamo stati bravi, abbiamo corso in una batteria difficile, con tanto di record italiano, Si può sognare”, ha aggiunto Vladimir Aceti. “Non mi aspettavo così tanto, questa è una squadra fantastica”, ha concluso Edoardo Scotti.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Italia Team (@italiateam)

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata