X Factor, cresce il team pro-Asia: attesa per l'intervista da Giletti

Lo scandalo moleste sembra sgonfiarsi e si fa sempre più forte la voce di chi vuole l'attrice ancora nel programma 

A 'X Factor' sono finite le audizioni, ancora poche settimane di bootcamp e homevisit e poi si arriverà ai tanto attesi live. Rimane solo un dubbio: chi siederà dietro il bancone dei giudici insieme a Mara Maionchi, Manuel Argento e Fedez? Mentre lo scandalo molestie che ha travolto Asia Argento sembra sgonfiarsi, .

Per primi i suoi colleghi. L'ultimo della lista è Fedez che a Rtl 102.5 ha precisato (al di là delle dinamiche aziendali): "Io la terrei, perché quando Sky e Freemantle, insieme ad Asia, hanno scelto di comune accordo di non farla più partecipare, la scelta era giustificata dal fatto che tutto lo scandalo creato metteva in ombra la gara in sé e ci sarebbe stato il rischio che per tutta l'edizione si parlasse solo del caso Asia e non dei concorrenti e, quindi, a tutela dei concorrenti. Ad oggi la situazione è cambiata radicalmente perché non si parla più di questa roba qua, se ne parla in altri luoghi dove si sono fatti i siparietti trash che si potevano evitare. Si è creata una cosa enorme. Le persone, secondo me, si sono anche un pò stufate e parlano solo della competenza di Asia come giudice".

Già, la situazione è cambiata. Merito o colpa dell'intervista dell'accusatore di Asia, Jimmy Bennett, messo sostanzialmente in ridicolo a 'Non è l'Arena' da Massimo Giletti. E poi delle parole, a cuore aperto, della Argento a DailyMailTv, dove ha confessato il modo in cui 'X Factor' le ha salvato la vita dopo il suicidio del compagno Anthony Bourdain.

Intanto, la (ex) amica Rose McGowan, al suo fianco nella battaglia del #MeToo contro Harvey Weinstein, le ha scritto una lettera per scusarsi di errori commessi nella gestione dell'affaire Bennett. "Il 27 agosto ho rilasciato una dichiarazione su AsiaArgento, ora mi rendo conto che conteneva una serie di fatti non accurati", ha scritto Rose, parlando di un "fraintendimento" sul contenuto dei messaggi scambiati con la compagna Rain Dove. "Sono profondamente pentita - conclude - di non aver corretto il mio errore e chiedo scusa a Asia per non averlo fatto prima".

Ma Asia non ci sta: è grata per la scuse, ma non può non far notare che, se fossero arrivate prima, avrebbe potuto "mantenere il lavoro a X Factor ed evitare le continue accuse di pedofilia" cui è stata sottoposta nelle ultime settimane. Ora, l'attesa è per la replica a Bennett che Asia renderà nella stessa sede: 'Non è l'Arena' su La7, domenica prossima. Potrebbe essere quella, sommata al movimento popolare che la vuole salda al suo posto, la mossa finale utile per far pendere la bilancia a suo favore e convincere definitivamente Sky e Freemantle a mantenerla fra i giudici del talent durante i live. La posizione dell'argento è chiarissima, l'ha detto in tv e lo ribadisce su Twitter: "Il vostro supporto mi tiene in vita. Il buio ed il male non potranno mai trascinarmi via perché sono aggrappata alle vostre mani. Grazie di cuore a tutti gli spettatori di XF12 per questa esplosione d'amore". Lei, ormai, sembra pronta a tornare. Anche perché non se ne è mai andata. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata