Wikileaks, Russell Brand e Oliver Stone in difesa del soldato Manning

Washington (Usa) 5 giu. (LaPresse) - Le star di Hollywood si sono unite in difesa di Bradley Manning, il soldato accusato di aver passato documenti segreti a Julian Assange di Wikileaks. In un video, dal titolo 'I am Bradley Mannig' Oliver Stone, Russel Brand, Peter Sargaard, Maggie Gyllenhaa, Moby, Wallance Shawn, insieme con alcuni giornalisti, si sono schierati a sostegno di Manning e contro il processo in cui rischia l'ergastolo. "Io sono Bradley Manning", dichiarano una ad una le star nel video pubblicato sul sito ufficiale della campagna. E rivolgendosi a chi ascolta, chiedono a chi ascolta "Cosa avresti fatto al suo posto?". Gli attori leggono le parole di Manning: "Se avete visto cose incredibili, cose terribili che appartengono al pubblico interesse e non sono nel server di una buia stanza di Washington Dc, cosa fareste?".

La campagna sostiene che "il pubblico merita la verità e gli informatori meritano un giusto processo". Manning ,candidato al Nobel per la pace, è in carcere da più di tre anni e questa settimana è iniziato il processo in cui rischia l'ergastolo. "Non ci son prove che qualcuno sia morto in seguito alle informazioni trapelate" si legge sul sito della campagna in sua difesa. Considerato la 'talpa' di Wikileaks, Manning è accusato di "aiutare il nemico", reato capitale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata