Le Vibrazioni festeggiano i 20 anni di carriera al Forum: "Un nuovo inizio"

Una festa con amici, colleghi e oltre 7mila fan

Un salto indietro nel tempo, all'inizio degli anni 2000, ma allo stesso tempo un nuovo inizio. Le Vibrazioni festeggiano i loro venti anni di carriera abbracciando tutti i fan che non li hanno mai abbandonati. È così che nasce il concerto, quasi una festa, al Forum di Assago. Circa 7.200 persone accolgono la band milanese i cui componenti confessano di essere cambiati dagli inizi, ma di avere "sempre lo stesso approccio alla musica, solo più consapevole".

Sul palco le 'Vibre' partono dalla fine, dal loro ritorno al Festival di Sanremo dopo una pausa di cinque anni con Così sbagliato, e poi ripercorrono la carriera spaziando nei brani di tutti i loro album. Trenta canzoni, non solo del gruppo ma anche degli ospiti. I primi amici a dare manforte a Francesco Sarcina & co. sono i Ministri su Portami via, poi Enrico Nigiotti in Ogni giorno. Il primo brano 'estraneo' alla band è quello di Pier Davide Carone e Dear Jack, Caramelle, che affronta il tema della pedofilia, non ammesso in gara al Festival di Sanremo ma che Sarcina ha fortemente voluto sul palco della festa perché "guai a chi tocca i nostri figli". Poi arriva Samuel, su E se ne va, ma la prima ovazione della serata è per Elio: frac e balletti surreali, su Ovunque andrò si cimenta anche nel flauto traverso.

Ad accendere definitivamente tutto il Forum è però Piero Pelù, che con le fiamme accese alle sue spalle (uno dei pochissimi 'effetti speciali' della serata) fa scatenare prima con Aspettando e poi con la sua Toro Loco. Poi, spazio alle nuove leve della musica: anche le Vibrazioni non sono riuscite a resistere alla Rolls Royce mania e a trascinare la folla ci sono Achille Lauro e Boss Domes. Ovviamente, però, il tripudio è nei bis: Dedicato a te, In una notte d'estate e Vieni da me (tutti brani dal primo album del 2003) fanno esplodere i fan. Tanti ospiti, appunto, ma senza alcuna idea di marketing dietro: "La base è stata la condivisione - spiega la band prima di esibirsi - l'idea era di avere con noi qualcuno avesse già fatto un forum e di dare ad altri artisti l'occasione di farlo per la prima volta. Abbiamo mantenuto l'equilibrio fra i cantanti che sono stati dei nostri riferimenti e le nuove leve che ci piacciono, anche se fanno cose diverse da noi".

E così, dopo 20 anni in musica, Le Vibrazioni affrontano per la prima volta il Forum, perché nel 2000 "era una chimera per gli artisti arrivarci, oggi non è più così. Forse nel 2003 - precisano - potevamo azzardare, ma in quel momento preferivamo vedere esplodere i club". Intanto, però, ad esplodere è proprio il Forum, con un finale pieno di coriandoli a avvolgere un pubblico che, al di là delle aspettative, è composto da tanti 30-40enni ma anche moltissimi adolescenti. "Probabilmente - si dà una motivazione Sarcina - c'è una generazione che si è rotta le palle di sentire musica plastificata e ha voglia di chitarre e rock. Alla fine, sono le canzoni che fanno da collante".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata