Venezia 75, tre italiani in concorso. E l'anteprima mondiale di "L'amica geniale"
È stato presentato il programma della settantacinquesima edizione della Mostra del Cinema

Sono tre i film italiani tra i 21 che concorreranno al Leone d'Oro alla 75esima Mostra del cinema di VeneziaSuspiria di Luca Guadagnino, remake del film di Dario Argento, in cui Tilda Swinton interpreterà tre ruoli diversi, Capri-revolution di Mario Martone con Marianna Fontana e What you gonna do when the world's on fire? di Roberto Minervini.

Gli altri sono First Man di Damien Chazelle che, come già annunciato, aprirà il festival; The Mountain di Rick Alverson, Double Vies di Olivier Assayas, The Sister Brothers di Jacques Audiard, The Ballad of Buster Scruggs di Joel & Ethan Coen, Vox Lux di Brady Corbet, Roma di Alfondo Cuaron, 22 July di Paul Greengrass, Werk Ohne Autor di Florian Henckel von Donnersmarck, The Nightingale di Jennifer Kent, The Favourite di Yorgos Lanthimos, Peterloo di Mike Leigh, Sunset di Laszlo Nemes, Freres Ennemis di David Oelhoffen, Nuestro Tiempo di Carlos Reygadas, At Eternity’s Gate di Julian Schnabel, Acusada di Gonzalo Tobal e Killing di Shinya Tsukamoto.

Alcuni di questi titoli sono stati prodotti da piattaforme di streaming online e non pensate per il cinema. Una tipologia di lungometraggi che a Cannes era stata estromessa dal concorso ma che il direttore Alberto Barbera ha voluto vedere alla sua Mostra del Cinema. "Sono diversi i film prodotti da piattaforme, non si può non fare i conti con queste realtà, non si può far finta che non esistano e ignorare che buona parte del cinema di oggi sia prodotto da questi soggetti. Non vedo perchè escludere certi film solo perchè il produttore è Netflix", ha dichiarato. "Questo non vuol dire che io non sia convinto che il modo migliore per fruire dei film sia la sala cinematografica", ha sottolineato. "Mi giugne anche notizia che alcuni film avranno un'uscita, seppur limitata, in sala, come 'Roma' di Cuaron", ha aggiunto Barbera, che riferendosi alle polemiche in occasione del Festival di Cannes ha rimarcato che "la legislazione francese è diversa, non sono problemi nostri". 

Anche nella sezione Fuori concorso l'Italia avrà un'ottima rappresentanza con cinque film presentati in anteprima: Les estivans di Valeria Bruni Tedeschi, con Valeria Golino e Riccardo Scamarcio, storia della famiglia della regista e attrice di origini torinesi; Una storia senza fine di Roberto Andò, con Micaela Ramazzotti e Laura Morante; 1938 Diversi di Giorgio Treves; Isis, tomorrow. The lost souls of Mosul di Francesca Mannocchi e Alessio Romenzi.

Ma non finisce qui. In programma c'è anche la proiezione speciale dei primi due episodi di una serie molto attesa a livello internazionale: L'amica geniale, serie Hbo-Rai in 8 puntate diretta da Saverio Costanzo tratta dalla quadrilogia omonima di Elena Ferrante. A interpretare Elena e Lila bambine, Elisa Del Genio e Ludovica Nasti. Mentre Elena e Lila adolescenti saranno, rispettivamente, Margherita Mazzucco e Gaia Girace. Quando l'amica più importante della sua vita sembra essere scomparsa senza lasciar traccia, Elena Greco, una donna anziana che vive in una casa piena di libri, accende il computer e inizia a scrivere la storia sua e di Lila, la storia di un'amicizia nata sui banchi di scuola negli anni 50. Ambientato in una Napoli pericolosa e affascinante, inizia così un racconto che copre oltre sessant'anni di vita e che tenta di svelare il mistero di Lila, l'amica geniale di Elena, la sua migliore amica, la sua peggiore nemica. 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata