Usa, dopo l'overdose cadute tutte le accuse alla figlia di Bon Jovi

Clinton (New York, Usa), 15 nov. (LaPresse/AP) - Sono cadute le accuse di detenzione e consumo di droga per Stephanie Bongiovi, figlia 19enne di Jon Bon Jovi. La ragazza era stata ricoverata ieri in ospedale per un'overdose di eroina dopo essere stata soccorsa nel dormitorio del suo college nello Stato di New York. La polizia l'aveva trovata in possesso di piccole quantità di eroina e marijuana ma il procuratore distrettuale di Oneida County, Scott McNamara, ha respinto le accuse contro Stephanie e un altro studente perchè, secondo la legge dello Stato, chi ha un'overdose o soccorre qualcuno che ne è vittima non è perseguibile per questi reati. Fino ad ora Jon Bon Jovi non ha voluto commentare ciò che è accaduto alla figlia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata