Trasferimento in Francia di Halle Berry non è un bene per la figlia

Los Angeles (California, Usa), 8 giu. (LaPresse) - Sembra essere vicina a una svolta la lunga battaglia legale che ha travolto Halle Berry, l'ex marito Gabriel Aubry e la loro figlia Nahla. Secondo una valutazione sulla custodia dei minori, il trasferimento in Francia di Halle Berry con la figlia recherebbe un indiscutibile danno nella relazione padre-figlia. L'attrice 45enne ha deciso di trasferirsi in Francia con il suo attuale compagno Olivier Martinez perché vigono leggi migliori sulla privacy nei confronti dei minori. Gabriel si è opposto con tutte le sue forze a questa decisione, che gli impedirebbe di avere un regolare e frequente rapporto con sua figlia.

Il processo per la custodia avrà inizio nelle prossime settimane. Una fonte ha detto a 'RadarOnline' che "il rapporto di valutazione ha concluso che la relazione di Gabriel con Nahla verrebbe chiaramente compromessa se si trasferisse in Francia. Gabriel ha un ruolo attivo e presente come padre nella vita della figlia, è un padre affettuoso e amorevole e questo ruolo ovviamente cambierà se verrà trasferita in Francia. Il rapporto - ha proseguito la fonte - aggiunge che Gabriel tiene Nahla con sé quanto più tempo possibile in base alle clausole dell'attuale accordo sull'affidamento".

La decisione della madre di trasferirsi in Francia portando con sé la figlia ostacolerebbe il padre ad accompagnare la figlia nella sua crescita, "lo psicologo dell'infanzia - ha proseguito la fonte - ha stabilito che non è nell'interesse della bambina". Ad ogni modo questa non è altro che una valutazione, spetterà al giudice decidere se Halle avrà il permesso di trasferirsi in Francia con Nahla. L'attrice Halle Berry e il modello Gabriel Aubry si sono separati nel 2010 dopo 5 anni insieme. L'attuale fidanzamento della Berry con Olivier è sulla strada per diventare il suo terzo matrimonio.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata