Torino, oggi a Lingotto Musica Gidon Kremer suona Vivaldi e Piazzolla

Roma, 18 feb. (LaPresse) - È interamente dedicato alle stagioni dell'anno, con particolare riferimento all'estate, il programma proposto dal violinista Gidon Kremer che a Torino insieme alla Kremerata Baltica, sua creatura fondata nel 1997, domani, stasera alle 20.30 è ospite del quinto appuntamento della stagione 2012/2013 dei 'Concerti del Lingotto'. Il concerto affronta un repertorio scritto da compositori dell'area baltica e dedicati allo stesso Kremer e alla Kremerata Baltica. Massimo tra i violinisti del nostro tempo, Gidon Kremer, con il suo prezioso Nicola Amati del 1641, torna al Lingotto cinque anni dopo l'esibizione con la National Symphony Orchestra e Mikhail Pletnev, mentre per la Kremerata Baltica si tratta di un atteso esordio.

La serata, che si svolge presso l'Auditorium Giovanni Agnelli del Lingotto, prende il via con l'Estate di Antonio Vivaldi (qui proposta in una curiosa trascrizione per vibrafono e archi ad opera di Andrei Pushkarev), seguita dal Secondo Concerto per violino, intitolato The American Four Seasons, del compositore americano Philip Glass. Avanti è invece il titolo del brano del lituano Vytautas Barkauskas che precede una serie di pezzi di compositori diversi, selezionati dallo stesso Kremer e raggruppati sotto il titolo di Gidon Sun Sounds, medley di brani dedicati all'estate composti appositamente per la Kremerata Baltica. In questa selezione si avrà la possibilità di ascoltare due brani (Lamento del cucù e Tolontnaya) tratti dalle Stagioni russe di Leonyd Desyatnikov, Dawn dal Trittico del sole di Dobrinka Tabakova, una selezione di musiche dalle Stagioni di Ciajkovskij (originali per pianoforte) orchestrate da Alexander Raskatov, Flowering jasmin del lettone Georgs Pelecis e, per concludere, con Verano Porteno da Le quattro stagioni a Buenos Aires dell'argentino Astor Piazzolla.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata