Torino, il 19/12 presentazione del calendario 'Senza confini'

Torino, 17 dic. (LaPresse) - Per celebrare il 2015, Four Studios Communication, teatri di posa e studi cinematografici a Torino (www.fourstudios.eu) e lo studio fotografico Aldo Ferrero Photographer (www.aldoferrero.it), hanno realizzato il calendario 'Senza Confini/Beyond Boundaries': un progetto artistico che unisce la fotografia, l'arte del Body Painting, realizzato della make up artist Fabrizia Tocchini e la creatività pittorica di Rossella Ferrero, che ha dipinto gli sfondi dei Continenti. L'idea creativa di partenza è stata quella di realizzare 6 soggetti diversi, uno per continente, di cui ogni modello potesse rappresentare un elemento naturale che si fonde/confonde con il suo sfondo di appartenenza e che poi tutti i continenti si unissero su un planisfero, in una vista di insieme che li comprenda tutti. Alla base del progetto 'Senza Confini' c'è infatti il concetto di integrazione di tutti i Continenti in un'unica mappa, in un'unica espressione di vita: la parte per il tutto ed il tutto che si integra e che vive come unicum in perfetta armonia, oltre i confini fisici e geografici della Terra.I corpi dei nostri giovani ragazzi, modelli per gioco, tutti under 25, diventano una tela vivente su cui l'artista ricrea giochi di luce e di colore che in alcune zone si rifanno alla tecnica del trompe l'oeil, segnando le pure forme anatomiche, con una tecnica pittorica che trascende la realtà per diventare puro colore, macchia di sostanza di cui è fatto il nostro Mondo.

L'Africa di Sarah: la sua forza esplosiva e selvaggia, sorretta dall'albero, simbolo della vita che ha l'energia potenziale per esplodere, svilupparsi e crescere.

L'Asia di Trang Sara: terra di colori, della seta, delle spezie, con il fiore e gli stimmi preziosi dello zafferano. Per le macchie sulla cartina ci siamo ispirati alla festa di Holi, per celebrare un continente sconfinato, unito dalla profonda spiritualità.

Francesca e la sua verde Europa, caratterizzata dalla macchia mediterranea ed illuminata dai riflessi dorati dell'olio. La ricchezza floreale che distingue il vecchio continente si ritrova nella pittura di Fabrizia, qui più realistica, quasi ispirata a Klimt.

Laura, Oceania, donna dormiente, sirena mitica le cui curve segnano il confine che sfuma tra terra e mare.

Le Americhe costituite da paesaggi sterminati... la bellezza dei ghiacciai negli occhi di Tamara e scendendo verso sud, il calore, la natura e la foresta amazzonica, il polmone verde del mondo e la cultura indigena degli indios, rappresentata dal body paint tradizionale sul volto di Diego.

Lo shooting fotografico è stato realizzato tra ottobre e novembre 2014 presso i Four Studios, la nuovissima Cinecittà torinese, che ha messo a disposizione i suoi spazi e le sue attrezzature tecniche per la realizzazione di tutte le opere di body painting e gli allestimenti dei 6 set fotografici. La fotografia di Aldo Ferrero ha immortalato queste opere di arte effimera, solitamente destinate a vivere lo spazio di una giornata o solo per poche ore, elevandole all'ennesima potenza. Infatti le immagini, sapientemente illuminate e congelate nella loro integrità e bellezza, accompagneranno con una dovizia di particolari e la precisione di ogni dettaglio e sfumatura di colore per un anno intero sulle pagine del calendario. L'immagine di copertina, simbolo e sintesi del Progetto, riprodotta anche su poster, racchiude il sogno di ciascuno che il mondo sia unito, solidale ed armonioso, sospinto dall'energia vitale e dalla bellezza dei giovani, dei nostri figli.

In conclusione, 'Senza Confini/Beyond Boundaries', si declinerà in un'opera a scopo benefico, coinvolgendo CasaOz in una serata/evento di presentazione del nostro progetto, che si svolgerà il 19/12/14 presso i Four Studios di Torino, in Via Plava 74, dalle 21 in poi. L'Associazione CasaOz Onlus rivolge i propri servizi di accoglienza, sostegno e accompagnamento ai bambini ed ai loro nuclei familiari che si trovino a vivere l'esperienza della malattia. Le attività di CasaOz sono volte al conseguimento di un obiettivo generale: la ristrutturazione della 'normalità' e l'uscita dall'isolamento sociale provocato dalla malattia stessa. In occasione dell'evento del 19/12, tutti i fondi raccolti per il calendario ed il poster saranno devoluti a sostenere le attività di CasaOz che, dall'inizio della sua attività, nel 2007, fino ad oggi, ha aiutato oltre 1.000 persone provenienti da 27 paesi diversi, in un'attività solidale veramente 'Senza Confini'.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata