Torino, Capodanno con ' Il Flauto magico' di Orchestra di Piazza Vittorio

orino, 31 dic. (LaPresse) - Ultima rappresentazione a Torino stasera per 'Il flauto magico, secondo l'Orchestra di piazza Vittorio', in scena al Teatro Carignano, alle 20,30.

Lo spettacolo proposto anche stasera dal Teatro Stabile Torino è ispirato all'opera in due atti di Wolfgang Amadeus Mozart, con la direzione artistica e musicale di Mario Tronco e l'elaborazione musicale di Mario Tronco e Leandro Piccioni e con i musicisti ospiti Maria Laura Martorana, Sylvie Lewis, acquarelli, animazione e scene di Lino Fiorito, disegno luci di Pasquale Mari, e costumi Ortensia De Francesco.

La più famosa fiaba della storia della musica inizia, come nella migliore tradizione, con un bosco. Una selva vagamente esotica in cui il giovane principe Tamino sta fuggendo da un mostruoso serpente. A salvarlo in extremis intervengono tre dame, ma il salvataggio ha un prezzo: Tamino viene condotto da una misteriosa Regina della Notte, che gli chiede di riportarle la figlia Pamina, rapita dal (presunto) malvagio Sarastro. Comincia cosi il viaggio iniziatico dell'eroe che, con l'aiuto dell'uccellatore Papageno e di un flauto dai poteri magici, scoprirà che la realtà non è mai quel che sembra. Il celebre Singspiel mozartiano è stato, nel corso di oltre due secoli, oggetto di svariate interpretazioni, che di volta in volta hanno individuato nei suoi personaggi fiabeschi gli emblemi della massoneria o i simboli della cultura illuminista, una metafora politica o un'allegoria mistica.

La versione dell'Orchestra di Piazza Vittorio, ensemble romano che riunisce musicisti di dieci diversi paesi, torna invece al carattere gioioso del Flauto magico, rivelandone l'allegria originali. Concepita come una favola tramandata per via orale e giunta sino a noi filtrata dalle diverse culture dei musicisti, l'opera diventa cosi un racconto contemporaneo, ambientato in una società multirazziale, in cui la musica mozartiana si trasforma con sorprendente naturalezza in reggae, jazz, intrecci ritmici africani e orientali.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata