Theron, Lawrence e DiCaprio ai Glaad awards in difesa di immagine gay

Los Angeles (California, Usa), 22 apr. (LaPresse/AP) - Leonardo DiCaprio, Charlize Theron, Betty White, Kristen Dust, Jennifer Morrison e la recente vincitrice del premio Oscar come miglior attrice protagonista Jennifer Lawrence, sono alcuni degli attori 'pesi massimi' di Hollywood che hanno preso parte ai Glaad awards di Los Angeles, condotti in questa 24esima edizione da Drew Berrymore. I premi Glaad sono assegnati a persone e produzioni del mondo dello spettacolo e dell'intrattenimento che hanno contribuito a dare un'immagine più accurata della comunità Lgbt. I vincitori sono decretati dall'Alleanza gay e lesbiche contro la diffamazione. Premiato quest'anno Bill Clinton a cui è stato conferito il titolo 'advocate for change award'. A ritirare il premio un'amica di lunga data dell'ex presidente statunitense, il premio Oscar Mary Steebungen che nel suo discorso ha difeso l'onore dell'ex presidente.

Sotto la guida di Clinton è arrivata la legge Defense of marriage act, che impediva il riconoscimento a livello federale dei matrimoni tra persone dello stesso sesso e i diritti previdenziali. Clinton e altri legislatori hanno cambiato la loro posizione e hanno sostenuto una revisione della legge in senso più costituzionale. Sotto l'amministrazione di Bill Clinton è stata avviata una politica ufficiale per il servizio militare americano prestato da gay, chiamata 'Don't ask, don't tell' che vietava al personale militare di discriminare o molestare omosessuali o bisessuali dichiarati in servizio. La politica proibiva invece alle persone che mostravano una propensione per lo stesso sesso di prendere servizio nelle forze armate degli Stati Uniti perché la loro presenza "creerebbe un rischio inaccettabile per gli standard di morale e di ordine e di disciplina".

In più la legge vietava ai gay di divulgare il proprio orientamento sessuale mentre prestavano servizio militare. Mary Steenburgen ha detto che "in realtà la 'don't ask, don't tell' è stato un dolore per Clinton". Premiate anche la sitcom dell'Nbc 'The new normal', il thriller della Fox 'American horror story: Asylum' e la serie tv 'Days of our lives'. Molti i personaggi che hanno condiviso esperienze, l'attore Justin Bartha ha detto che il 'coming out' del fratello lo ha commosso sia personalmente, sia professionalmente. "E' stato un momento di ispirazione" anche per recitare in 'The new normal'. Chaz Bono, nato donna, ha cambiato sesso nel 2009, e ha espresso le speranze per il futuro gay e della comunità trangender. "L'obiettivo deve essere sempre l'uguaglianza in tutti gli aspetti previsti dalla legge - ha detto Bono - non riusciremo mai ad estirpare la discriminazione. Il razzismo è vivo e vegeto. Ma l'uguaglianza tutelata dalle leggi può fare una differenza enorme".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata