Tff, Morgan: 'Suffragette' racconta il periodo cruciale del movimento

Torino, 21 nov. (LaPresse) - La sceneggiatrice di 'Sufragette' Abi Morgan, che ha firmato in passato il biopic 'The Iron lady' su Margaret Thatcher, ha fatto un parallelo tra i due film: nel caso di 'The Iron Lady', "la sfida era prendere una vita così significativa e contestualizzarla nel periodo storico", invece, ha aggiunto alla conferenza stampa di presentazione del film al 33esimo Torino Film festival, nel caso di 'Suffragette', "La durata del movimento si è articolata in cinquant'anni, i primi quaranta anni sono stati di lotta pacifica per cercare di ottenere il suffragio delle donne, ma noi abbiamo scelto di concentrare l'attenzione sui sedici mesi cruciali che hanno rappresentato i momenti più significativi per la lotta di queste donne", concentrandosi sul periodo di militanza del movimento suffragista tra 1911 e 1913.

In questo modo la sceneggiatrice e la regista Sarah Gavron hanno creato "un collegamento con l'attualità da un lato e la contestualizzazione storia dall'altro, introducendo il personaggio di finzione di Maud (Carey Mulligan, ndr) che riassume l'atteggiamento di tante che sono passate dall'essere osservatrici passive a vere militanti, e andando a indagare le motivazioni che le hanno spinte a mettere a repentaglio professioni, famiglia e vita per abbracciare questa lotta", ha spiegato Morgan.

Donne comuni che, ha aggiunto la sceneggiatrice, "non hanno un ritratto, non conosciamo le loro storie perché non 'meritano' di essere raccontate. Noi che viviamo in un'era digitale dove possiamo constatare le diseguaglianze che esistono in tutto il mondo, possiamo identificarci nei soprusi che vivevano nella loro epoca rispetto a tante situazioni che esistono oggi, come gli stupri i gruppo in India, i rapimenti e le violenze di Boko Haram, al traffico di schiave in Occidentre. Donne che non hanno mai avuto né voce né potere, per questo abbiamo scelto di parlare di loro".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata