Tff, Dario Argento: Profondo rosso tornerà al cinema nel 2015

Torino, 29 nov. (LaPresse) - "Profondo rosso restaurato e tornerà in tutte le sale cinematografiche italiane il prossimo anno. L'anno scorso fu già proiettato a Roma in tre sale". Lo ha annunciato Dario Argento al Torino film festival, presentando il suo libro 'Paura'

"Quando sono andato a Pechino - ha raccontato - e ho visto sul tabellone luminoso di una videoteca di 4 piani che il Dvd 'Dario Argento collection number 2' era al quarto posto fra i dvd più venduti mi sono emozionato. Sono rimasto abbagliato e son rimasto fermo a guardare per 5 minuti, pensando quanti milioni di copie ne saranno state vendute in Cina e chiedendomi cosa contenesse il dvd 'Dario Argento collection number 1'".

Argento ha poi parlato del suo rapporto con Torino. "Ho girato questa città in lungo e in largo - ha spiegato -. Penso che ci girerò ancora, sicuramente è la mia città di adozione". "Torino è cambiata, ma non è cambiato il centro - ha detto il regista - si sono aggiunte delle parti che potrebbero essere interessanti, però se si vuole utilizzare di nuovo la Torino classica quella c'è sempre. La Torino metafisica e un po' dechirichiana, quella è sempre rimasta fortunatamente. Quei palazzi liberty, quelle scale misteriose, quei portoni, quelle bellissime parti decò... Per tanti anni l'ho girata e conosco Torino meglio di tanti torinesi e forse di quasi tutti, conosco pure gli interni delle case".

Infine qualche osservazione sulla scena horror internazionale. "Il cinema horror americano - ha detto - non mi fa impazzire, è troppo legato alla tecnologia e racconta sempre le stesse storie, perché in America i padroni sono diventate le banche quindi quando vedono che un film va bene vogliono rifare lo stesso film che racconta la stessa storia, sono sempre uguali". "Quelli che mi affascinano - ha aggiunto il regista - vengono dall'Oriente, dalla Sud Corea, dal Giappone, da Hong Kong, dalla Thailandia, perché c'è ancora interesse per la psicologia per i personaggi".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata