Terence Hill compie 80 anni: una vita sul set da Bud Spencer a Don Matteo

Mario Girotti, questo il suo vero nome, nasceva a Venezia il 29 marzo 1939

Gli occhi azzurri e il sorriso più famosi della tv italiana. Sono quelli di Terence Hill, che compie 80 anni, anche se ne dimostra venti di meno. Mario Girotti, questo il suo vero nome, nasce a Venezia da padre ternano e madre tedesca e da bambino cresce nella Germania dei bombardamenti angloamericani della Seconda guerra mondiale. Poi torna in Italia e debutta al cinema da ragazzino, quasi per caso, con il grande Dino Risi in Vacanze col gangster. Da quel momento non lascerà più la recitazione.

Nel 1963 ha una piccola parte nel capolavoro di Luchino Visconti Il Gattopardo ma è nel 1967 che arriva la svolta con l'incontro con il partner cinematografico con cui formerà una coppia vincente: Carlo Pedersoli. I due si faranno chiamare da lì in poi Bud Spencer e Terence Hill e interpreteranno una serie di fortunatissimi spaghetti western a base di scazzottate bonarie rimasti nell'immaginario collettivo degli italiani: Lo chiamavano Trinità, Continuavano a chiamarlo Trinità, Altrimenti ci arrabbiamo, I due superpiedi quasi piatti e Io sto con gli ippopotami. Pellicole che negli anni '70 sbancano letteralmente il botteghino e travalicano i confini italiani, diventando di culto soprattutto in Germania. "È stato un incontro magico e non saprei neanche spiegare perchè ha funzionato così bene: ogni volta che entravo in scena con Bud mi trasfromavo e penso fosse lo stesso per lui", ha detto parlando del suo rapporto con Spencer.

Negli anni '80 Hill è anche regista e continua a recitare con l'amico di sempre mentre gli anni '90 sono un periodo difficile, da cui l'attore esce reinventandosi una seconda carriera in tv, con il ruolo del prete dal talento di investigatore di Don Matteo'nella serie Rai, che si rivela un successo strepitoso. Va in onda per 11 stagioni tra il 2018 con ascolti record e consacra Terence, come uno dei volti del piccolo schermo più amati dagli italiani.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata