Sanremo, la seconda serata. Fiorello si veste da De Filippi e palleggia con Djokovic
Sanremo, la seconda serata. Fiorello si veste da De Filippi e palleggia con Djokovic

Ed è sempre Rosario show 

  Una serata all'insegna dello show, la seconda del 70esimo Festival di Sanremo, tanto che il primo Campione in gara, Piero Pelù, canta alle 22. Fiorello è protagonista: si inizia con lo showman travestito da Maria De Filippi. "Visto che il  Festival non è andato bene, ma strabene, ho mantenuto la promessa", spiega. Gli ascolti infatti sono stati più alti dello scorso anno e lui aveva detto che si sarebbe vestito da Maria De Filippi, visto che il Don Matteo della prima serata aveva portato bene. "Mi sono guardato allo specchio, sembro Boris Johnson piastrato. Mia madre già si era preoccupata ieri che ero vestito da prete, figuriamoci oggi", dice. "Quello che sto pensando è che ci sono le teche Rai: questo momento rimarrà per sempre". Poi arriva la chiamata in diretta della vera Maria De Filippi: "Intanto complimenti Amadeus. E tu sei bellissimo, stasera ancora più bello".


Prende il via la gara delle Nuove Proposte con la sfida tra Gabriella Martinelli e Lula con 'Il gigante d'acciaio' e Fasma con 'Per sentirmi vivo'. Il giovane artista romano vince e va in semifinale. Poi è la volta di Marco Sentieri con la sua canzone sul bullismo, 'Billy blu', che elimina Matteo Faustini con 'Nel bene e nel male'. Toccante il ricordo di Fabrizio Frizzi nel giorno del suo compleanno. "Se Fabrizio ci fosse ancora, questo settantesimo Festival l'avrebbe sicuramente presentato lui", dice Amadeus chiamando sul palco la vedova Carlotta Mantovan. "Grazie per questo omaggio, grazie per il vostro affetto", dice lei.

Riparte lo show di Fiorello con un balletto e di nuovo un intervento dei suoi: "Questa sera ci sarà una cosa che aspetto da quando avevo dieci anni: la reunion dei Ricchi e Poveri. E spero che mi diano la possibilità di duettare con loro: Ricchi e Poveri, mi metto in mezzo faccio il reddito di cittadinanza". Ad Amadeus dice: "Ti ho guardato ieri, sei migliorato, ma Rula, Diletta, le prendevi per mano: è manismo, non si fa più. Poco fa quando ho ricevuto i fiori mi è piaciuto: parità, altrimenti c'è fiorismo, perché alle femmine sì e ai maschi no?".
Finalmente parte la gara con Piero Pelù, seguito da Elettra Lamborghini presentata dalle due conduttrici del Tg1, Emma D'Aquino e Laura Chimenti, che scendono la scala elegantissime, breve parentesi di gara prima di una nuova entrata in scena di Fiorello che chiama in causa il numero uno del mondo di tennis, Novak Djokovic. Mostra ad Amadeus prima la sua racchetta, "solo con questa facciamo il 40", dice lo showman riferendosi allo share. "Djokovic è qui - annuncia poi - mi ha chiesto se poteva venire a vedere una puntata di Sanremo. Io gli ho detto perché no". Fiorello va in platea, e porta con sé sul palco il campione, che è seduto in seconda fila. Nole parla in italiano e ringrazia l'organizzazione del Festival. "Sono stato a Sanremo, giocavo qui tornei under 14 e mi allenavo con Riccardo Piatti". I due cantano insieme un pezzetto di 'Terra Promessa' di Eros Ramazzotti e improvvisano due palleggi sul palco. "Tu fai il raccattapalle", scherza Fiorello con Amadeus. Riprende la gara, con Enrico Nigiotti, Levante e i Pinguini Tattici Nucleari, mentre arriva Sabrina Salerno che si fa aiutare da Amadeus per gli ultimi gradini, per un problema con il tacco. L'attrice e cantante rivela tutta la sua emozione nell'essere all'Ariston, dove "da ragazza venivo a vedere i cantanti e sognavo". Infine il conduttore mostra un poster sexy di Sabrina: "Lo avevo nella mia cameretta", e lei replica con una foto di Ama con una folta capigliatura riccia e occhialoni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata