Gf Vip, Elisabetta Gregoraci si racconta: dall'infanzia a Soverato, a Nathan e Briatore
Gf Vip, Elisabetta Gregoraci si racconta: dall'infanzia a Soverato, a Nathan e Briatore

Nella dark room della terza puntata, la showgirl calabrese ripercorre a ritroso la sua storia 

 Elisabetta Gregoraci nella casa del Gf Vip ripercorre la sua storia, sin dalla sua infanzia a Soverato, in Calabria. Accade nella dark room alla terza puntata, in prima serata su Canale 5, del reality condotto da Alfonso Signorini, con Antonella Elia e Pupo come opinionisti. "Ho avuto due genitori stupendi che si sono amati con l'amore con la 'A' maiuscola. Poi questo sogno si è spezzato quando mamma è venuta a mancare. Una mamma stupenda, ha sempre lottato. La prima volta che si ammalò aveva 38 anni, ma non si è mai fermata. Ha sempre dato sostegno agli altri", si confida Elisabetta.

 Poi il ricordo della Gregoraci che va via dalla sua Soverato. "Mio padre mi disse: 'Non devi per forza andare via'. Ma io gli dissi che la mia carriera nello spettacolo era il mio sogno. Arrivai a Roma: ero imbranatissima. Mia madre era preoccupata, ma mi disse: 'Hai 18 anni e ti devi svegliare'. E iniziai a fare i provini", racconta Elisabetta.

 Poi la Gregoraci commenta le foto del suo matrimonio con Flavio Briatore, quello che allora era considerato un grande playboy. "Per me è stato un amore ingombrante, ma importante", si confessa.

 "Ci conoscemmo a novembre e mi invitò in Kenya e io gli dissi che il Natale volevo stare in famiglia. Mi disse che queste mie affermazioni lo stupirono. Ho dato a Flavio i valori della vita, l'amore, un figlio meraviglioso, Nathan", è il racconto della Gregoraci. Flavio Briatore "oggi per me è una persona speciale, abbiamo un bellissimo rapporto, anche se è vero che mi fa arrabbiare quando mi fa qualche dispettuccio. Siamo stati insieme 13 anni...", dice la presentatrice e attrice.

 Poi parla di Nathan con grande dolcezza. "Il suo nome vuole dire amore di Dio", parlando del figlio avuto da Briatore. Infine dalla dark room lo saluta affettuosamente e gli manda un bacio: "Ciao Nathan".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata