'13 Reasons Why': Netflix rimuove la scena del suicidio di Hannah
'13 Reasons Why': Netflix rimuove la scena del suicidio di Hannah

La mossa a due anni dal lancio dello show dopo le preoccupazioni espresse dagli esperti che temono il fenomeno di emulazione

Netflix ha rimosso una scena esplicita di suicidio dalla prima stagione della serie di successo '13 Reasons Why' ('Tredici') in seguito alla preoccupazione di esperti di salute mentale che temono che possa 'pubblicizzare' il suicidio. La mossa arriva due anni dopo il lancio dello spettacolo, che segue la storia della studentessa liceale Hannah Baker che si toglie la vita. Sebbene sia stato elogiato per aver sollevato problemi come il bullismo e l'autolesionismo, lo show era stato criticato dalle scuole e gli psicologi temevano che potesse scatenare suicidi da emulazione tra i giovani alle prese con problemi di salute mentale.

"Mentre ci prepariamo a lanciare la terza stagione questa estate, siamo consapevoli del dibattito in corso intorno allo show", ha detto Netflix su Twitter lunedì. "Quindi, su consiglio di esperti medici, abbiamo deciso con il creatore Brian Yorkey e i produttori di modificare la scena in cui Hannah si toglie la vita della stagione uno".

Il produttore Yorkey ha detto che la scena del suicidio aveva lo scopo di mostrare "l'orrore di un tale atto, e assicurarsi che nessuno avrebbe mai desiderato emularlo". "Il messaggio è che dobbiamo prenderci più cura l'uno dell'altro", ha detto in una dichiarazione su Twitter.

"Riteniamo che questa modifica aiuterà la serie a fare il massimo per la maggior parte delle persone, mitigando ogni rischio per i giovani spettatori particolarmente vulnerabili". Netflix sostiene comunque che la serie ha incoraggiato la discussione sui problemi di salute mentale. "Abbiamo sentito da molti giovani che la serie li ha incoraggiati a iniziare conversazioni su problemi difficili come la depressione e il suicidio e ottenere aiuto - spesso per la prima volta". 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata