Teatro, 'Penso che un sogno così' Giuseppe Fiorello omaggia Modugno

Milano, 6 nov. (LaPresse) - È un omaggio a Domenico Modugno 'Penso che un sogno così...' quello che Giuseppe Fiorello porta in scena nei teatri italiani da novembre a febbraio. Nello spettacolo, coporodotto da Nuovo Teatro e Ibla Film e scritto dall'attore insieme a Vittorio Moroni, Fiorello fa rivivere la storia del padre della canzone italiana. "Modugno per me non è stato solo una storia da raccontare o un personaggio da interpretare, ma la possibilità di ritrovare un tempo lontano rimasto sempre dentro di me", racconta l'artista.

La passione, quella di Fiorello per Modugno, che si rinnova nei teatri, dopo essersi già espressa e in televisione. L'attore ha infatti interpretato il celeberrimo cantautore nella fiction 'Volare - La grande storia di Domenico Modugno' andata in onda nel 2013 su Rai1, e, per presentare la serie tv, è stato ospite al Festival di Sanremo cantando dal palco dell'Ariston 'Vecchio frack', 'Cosa sono le nuvole' e 'Tu sì 'na cosa grande'. Fiorello ha già portato in scena lo spettacolo in una fortunata stagione teatrale da novembre 2013 a marzo 2014. Ora le nuove date lo vedranno in scena dal 13 al 30 novembre al Teatro Manzoni di Milano, il 13 e 14 dicembre al Teatro regio di Parma, il 7 e l'8 gennaio al Teatro Vittorio Emanuele di Messina e dal 12 al 15 febbraio al Teatro Alfieri di Torino.

"In questo spettacolo - prosegue l'attore - salgo a bordo del deltaplano delle canzoni di Domenico Modugno e sorvolo la mia infanzia, la Sicilia e l'Italia di quegli anni, le facce, le persone, vicende buffe, altre dolorose, altre nostalgiche e altre ancora che potranno sembrare incredibili. Attraverso questo viaggio invito i protagonisti della mia vita ad uscire dalla memoria e accompagnarmi sul palco, per partecipare insieme ad un avventuroso gioco di specchi".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata