Steve Jobs in copertina Rolling Stone: ex fidanzata ne svela i segreti

San Francisco (California, Usa), 13 ott. (LaPresse/AP) - Tutti conoscono Steve Jobs come il genio visionario della Apple le cui idee geniali hanno cambiato il modo di percepire la tecnologia, ma pochi sanno che era anche un poeta romantico simile a un personaggio di 'Alice nel paese delle meraviglie'. Lo racconta così Chrisann Brennan, la sua prima fidanzata con cui ha avuto la figlia Lisa nel 1978. La donna ne ha svelato i lati nascosti in un'intervista sul numero del Rolling Stone in uscita domani, per rendergli omaggio dopo la morte per cancro, avvenuta lo scorso 5 ottobre. "Mi diceva che eravamo parte di un gruppo di poeti e visionari che chiamava 'il gruppo del campo di grano', diceva che tutti insieme guardavamo fuori da una finestra da cui osservavamo il mondo intero", ha riferito la donna. "Non avevo idea di ciò di cui stesse parlando, ma volevo vedere con tutto il mio cuore il panorama a cui si riferiva", ha aggiunto.

Jobs e la ex fidanzata si conobbero nel 1972 al liceo Homestead di Cupertino, in California, e ben presto la Brennan capì quanto speciale fosse il suo ragazzo. "Una volta - racconta - avevo provato a farmi dare una stanza in un bungalow di Cupertino, ma l'uomo che li affittava ci aveva detto che non c'era spazio per una coppia". In qualche modo, Jobs era riuscito a convincerlo e i due avevano trasformato la stanza in un nido d'amore. "Questo - ha riferito la Brennan - mi ha fatto capire che c'era qualcosa di straordinario in lui. Quest'uomo riusciva a far funzionare le cose e, da come aveva preso il controllo della situazione, so che lo sapeva anche lui". La donna ha raccontato lati nascosti di Jobs, che rimaneva sveglio fino a tardi per scrivere poesie ascoltando Bob Dylan. "All'inizio - ha detto - i suoi scritti non mi impressionarono, erano solo canzoni di Bob Dylan con qualche cambiamento. Solo adesso capisco cosa stava cercando di fare: era una persona solitaria che non parlava molto e credo usasse le sue canzoni per dare un senso al mondo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata