Sinead O'Connor sta meglio e spiega perché il matrimonio è fallito

Dublino (Irlanda), 13 gen. (LaPresse) - Sinead O'Connor ha annunciato ai fan che il suo quarto matrimonio è definitivamente finito. La cantante irlandese, che si era separata dal marito Barry Herridge appena due settimane dopo il loro matrimonio a sorpresa a Las Vegas, avvenuto 8 dicembre, si era poi riconciliata con lui e insieme si erano promessi una seconda possibilità. Ma oggi la 45enne ha confermato che la relazione non può proseguire. Ha spiegato il suo punto di vista su cosa è accaduto, ma ha tranquillizzato i fan sul suo stato di salute.

Il medico che l'ha ora in cura le ha prescritto una terapia, spiega Sinead. "Sono temporaneamente di nuovo sotto farmaci ma lo psichiatra mi ha assicurato che non sono bipolare e che non ho bisogno di medicine per più di qualche mese, il tempo di portarmi fuori dall'abisso in cui sono stata trascinata da quando è iniziato il maltrattamento di mio marito e di conseguenza la distruzione del nostro matrimonio". Quindi, assicura Sinead, "Starò bene nel giro di giorni".

L'annuncio arriva dopo i messaggi allarmanti che ieri Sinead ha lanciato ieri web, tramite il suo account di Twitter, in cui chiedeva aiuto psichiatrico e spiegava di dover andare all'ospedale per una caviglia rotta ma che non intendeva venire ricoverata. Dopo 12 ore di silenzio, ieri sera è tornata a scrivere sul social network: ha ringraziato i fan per il sostegno, i consigli e i contatti di medici che le hanno passato, dando una prima spiegazione alla crisi depressiva che l'ha colpita. "Ho parlato con alcuni grandi medici psichiatri che mi hanno fatto stare meglio - ha scritto su Twitter - e ne incontrerò alcuni. Sono dovuta andare al'ospedale perché mi sono fratturata una caviglia e anche loro sono stati un aiuto favoloso. Ma voi tutti siete stati straordinari a darmi numeri e idee, vi amo tutti per questo e mi sento molto meglio. Inizierò i medicinali per qualche settimana che mi aiuteranno a superare la depressione per l'abuso di un marito innocente da parte di gente cattiva. È difficile vedere qualcuno che ami venire ferito a causa tua".

La cantante di 'Nothing Compares 2 U' ultimamente è stata avvolta da una spirale negativa, che all'inizio della settimana l'ha portata ad un'overdose di farmaci, prima sel suo SOS su web di ieri. Dopo i messaggi via twitter di ieri sera, oggi ha pubblicato un annuncio ufficiale sul suo sito spiegando gli eventi. "L'Irlanda è un paese malato. Certe sezioni dei nostri media sono male puro. Queste persone hanno causato deliberatamente e maliziosamente molto male a quel fiore innocente di mio marito, solo perché era con me. Così il suo legame con me è diventato qualcosa di dannoso per la sua vita. E lentamente da quando ci siamo sposati mi sono ammalata come risultato per quello che veniva fatto a mio marito e a me e che io non sapevo gestire. E sono caduta in depressione".

La cantante irlandese si riferisce, senza nominarlo, a "un particolare giornale che ha causato danni seri a mio marito e a me e di conseguenza ha reso il matrimonio insostenibile, e ora che è finito spero che i media gentilmente lasceranno il poveretto in pace a continuare la sua vita".

Per il futuro Sinead non ha intenzione di non avere altre storie. "Non mi legherò più a nessuno, dato che non posso sopportare di vedere di nuovo fare queste cose a qualcuno che amo. Quel giornale che ha cercato di distruggere il lavoro di mio marito mi ha detto che quel che hanno fatto è stata interamente colpa mia perché non mi accontento di stare zitta e cantare". Sinead ha assicurato che non cambierà: "Sarò me stessa. E se a qualcuno non piace che si faccia aiutare. Perché sono meravigliosa così come sono". Sinead è quindi tornata a ironizzare sulla sua vita sessuale come già aveva fatto nei mesi passati, prima di incontrare suo marito. "Continuerò a essere me. E se essere me significa che certi media irlandesi chercheranno di distruggere la mia vita sentimentale, così sia. Ho dieci dita e un certo numero di 'giocattoli' (non proprio i giocattoli, ma ne ho bisogno, così magari potreste spedirmene qualcuno)".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata