Sanremo, vince Emma

Sanremo (Imperia), 18 feb. (LaPresse) - Dieci minuti di monologo per Celentano, interrotto più volte dai fischi e le urla del pubblico che lo contesta sonoramente. Una poesia di Luca e Paolo, che invocano il dio dei comici, pregando "che Lei abbia il senso dell'umorismo". Una canzone, 'come vivere', cantata da Rocco Papaleo sul palco. Un sassolino nella scarpa che si toglie, dopo che il brano era stasto respinto l'anno scorso e non ammesso al festival. Sono questi i tre momenti che hanno scandito l'ultima serata del festival di Sanremo 2012. Ma il gran finale è arrivato con la premiazione: in finale con Noemi e Arisa, a vincere è stata Emma Marrone.

1.18 - E' Emma Marrone la vincitrice del 62esimo festival di Sanremo. "Sono contenta - ha commentato tra le lacrime - e ancora più contenta di essere arrivata in finale con Arisa e Dolcenera. Sono orgogliosa di esserci arrivata con loro, grandi donne".

1.16 - All'Eurovision Song Contest di quest'anno che si terrà a Baku, in Azerbaigian, a maggio di quest'anno parteciperà Nina Zilli. E' stato annunciato questa sera durante la finale del Festival di Sanremo.

1.15 - Samuele Bersani con 'Un pallone' è il vincitore del premio della critica Mia Martini assegnato dalla sala stampa. Bersani ha dedicato il premio ai "giovani che nelle loro stanzine continuano a scrivere delle belle canzoni".

1.10 - Geppy Cucciari, in chiusura del Festival di Sanremo, ha deciso di rivolgere un pensiero sul palcoscenico a Rossella Urro, volontaria italiana rapita in Algeria 117 giorni fa.

0.48 - Dopo giorni di attesa e richieste da parte dell'attore, finalmente a Rocco Papaleo viene permesso di cantare sul palcoscenico dell'Ariston 'Come vivere', suo brano presentato l'anno scorso e rifiutato al Festival di Sanremo. Al termine dell'esibizione Gianni Morandi lo ringrazia e gli dice: Sei stato la vera rivelazione del Festival".

0.42 - Sul palco dell'Ariston, dopo un filmato d'epoca di Walter Chiari e Gianni Morandi, salgono Alessio Boni, Bianca Guaccero, Daiana Roncione e Caterina Visasi, protagonisti di un film proprio sul celebre attore che andrà in onda su Rai1 il 26 e 27 febbraio. Boni legge anche un brano scritto proprio da Walter Chiari.

0.12 - Tornano sul palco del festival di Sanremo Luca e Paolo e rispondono alle critiche rivoltegli negli ultimi giorni dalla Rai per le parolacce nel loro sketch di martedì sera, truccati in viso come pagliacci, invocando il signore dei comici: "Ti ringraziamo per il senso dell'umorismo che ci fa guardare a trionfi e miserie senza mai crederci troppo. Fa che il senso dell'umorismo possano averlo tutti. Lui, lui, lui - dicono indicando varie persone - e Lei. Soprattutto Lei", dicono i due riferendosi al direttore generale della Rai Lorenza Lei. "Fai in modo - continuano - che nessuno si prenda troppo sul serio, dirigenti o cantanti. E che non si perda tempo distratti da parole inutili o parolacce".

23.59 - Le tre finaliste del Festival di Sanremo sono Arisa, Noemi e Emma. Noemi è rientrata fra i primi tre grazie al voto della sala stampa che l'ha fatta salire di tre posizioni e scavalcare Gigi D'Alessio e Loredana Bertè.

23.50 - E' il momento dei Cranberries di salire sul palco. Il gruppo di Dolores O'Riordan si esibisce nel suo più grande successo 'Zombies'. I Cranberries si sono da poco riuniti dopo aver intrapreso delle carriere soliste. Il gruppo presenta l'album di prossima uscita 'Roses' e esegue il nuovo singolo 'Tomorrow'.

23.46 - Premiato sul palco dell'Ariston il vincitore del Festival di Sanremo fra i giovani Alessandro Casillo, che ieri non si è potuto esibire dopo mezzanotte perché minorenne. Gianni Morandi ha cercato di far cantare al giovane alcuni brani di Celentano di cui peró Casillo non conosceva le parole.

23.33 - Non solo fischi e contestazioni, ma anche applausi e apprezzamenti per Adriano Celentano al Festival di Sanremo. Dalla platea arriva addirittura l'urlo rivolto a Morandi e Celentano: "Siete la storia d'Italia". Ma gli apprezzamenti arrivano soprattutto quando Celentano canta, in particolare in duetto con Morandi, più che quando recita il suo monologo.

23.09 - "Adriano, grazie". Così sul palco del Festival di Sanremo dopo un lungo silenzio Gianni Morandi si rivolge ad Adriano Celentano, e poi: "E' stato bello".

23.02 - "Ora potete fischiare". Così ha terminato il suo intervento dal palco dell'Ariston Adriano Celentano, rivolgendosi a quanti lo avevano contestato poco prima. Dalle file del pubblico qualcuno gli aveva urlato "predicatore".

22.52 - Il significato della vita e della morte e soprattutto di cosa viene dopo e la fortuna di essere nati: è su questi temi "che dovrebbe basarsi un giornale che ha la presunzione di chiamarsi 'Famiglia Cristiana' o anche 'l'Avvenire'. Ma loro parlano della politica del mondo, anzichè della politica di Dio", dice Celentano. Mentre parlava, dal pubblico si sono sollevate sonore proteste, con fischi e urla, che l'hanno costretto a fermarsi e a chiedere agli spettatori che lo lasciassero finire, prima di contestarlo. "Quando dico che Famiglia Cristiana o l'Avvenire - ha continuato, quando le proteste si sono attenutate - andrebbero chiusi definitivamente non significa esercitare una forma di censura. Per me potete stare aperti ma almeno cambiate la testata". Per Celentano i giornali cattolici dovrebbero occuparsi del significato della vita e della morte e soprattutto di cosa viene dopo e la fortuna di essere nati. "Io non ho il potere di chiudere un giornale", ha puntualizzato il molleggiato. "Siamo in democrazia - ha concluso - e ho espresso un mio desiderio".

22.48 - "Mi si è seccata la bocca. Tutte le volte che vengo qui mi succede, chissà perchè". Con queste parole esordisce Adriano Celentano, aprendo il suo atteso intervento sul palco dell'Ariston. "La corporazione dei media si è coalizzata in massa contro di me - aggiunge - neanche avessi fatto un attentato contro lo Stato".

22.45 - Le ultime cinque esibizioni chiudono la fase di gara del 62esimo Festival di Sanremo. I cantano che si sono esibiti sono stati Pierdavide Carone e Lucio Dalla con 'Nanì', Noemi con 'Sono solo parole' in un elegantissimo e lungo abito blu, Arisa nelle sue nuove vesti raffinate con 'La notte', Finardi con il brano tanto apprezzato dai critici 'E tu lo chiami dio' e Francesco Renga con 'La tua bellezza'.

22.30 - Il ballo della foca di Rocco Papaleo è ormai diventato un tormentone e l'attore lo fa di nuovo con Gianni Morandi e Ivana Mrazova sul palco della finale del Festival di Sanremo. Papaleo scherza con Morandi: "Dopo che avete fatto il balletto tu e Gianmarco Mazzi gli animalisti vi hanno denunciato per offesa a una specie protetta".

22.25 - Prima di salire sul palco tra i cantanti è Nina Zilli con 'Per sempre' indossando un lungo abito blu senza spalline. Poi è la volta di Gigi D'Alessio e Loredana Bertè con 'Respirare'. Molto criticati ieri sera per l'uso del playback sul remix di Mario Fargetta, questa sera sono tornati al canto dal vivo. La terza a esibirsi è Emma con la sua 'Non è l'inferno' in versione sempre più rock indossando un abito lungo e attillato nero con corpetto di pelle e spacco vertiginoso e che si lascia scappare le lacrime, prima di abbandonare il palco. Segue Samuele Bersani con 'Un pallone', brano che a forza di ascoltarlo entra in testa. Ultima della tranche di primi cinque artisti è Dolcenera, che indossa un abito nero asimmetrico corto davanti e lungo dietro, con 'Ci vediamo a casa': la sua esibizione riscuote un certo successo in sala stampa e in molti intonano il ritornello.

22.04 - Ancora un abito spettacolare per la seconda uscita della serata sul palco della finale del Festival di Sanremo di Ivana Mrazova. Più castigato e principesco del primo vestito, un modello di Sarli rosa tenue con corpetto paillettato e gonna a balze di taffetà. Decisamente più adatto alla finale del Festival.

21.31 - La prima a salire sul palco è la comica Geppy Cucciari, che sventaglia una raffica di battute su Morandi, su Celentano e sulla Rai. "Io non ho niente contro i Gianni Morandi, io amo i Gianni Morandi, ho molti amici Gianni Morandi", esordisce, ironizzando sulla polemica nata dalla gag sugli omosessuali dei Soliti idioti e dalla frase di Gianni Morandi: "Io non ho niente contro i gay". "Non voglio prendervi troppo tempo - continua - perchè so che deve arrivare Celentano e la gente è ansiosa di vederlo vaneggiare e introdurre se stesso". Celentano, aggiunge con un sorriso, ha "la libertà che merita e di cui raramente abusa". Entra poi sul palco un carrello di faldoni che secondo la Cucciari sono le postille al contratto di Celentano, fra cui alcune sono: "Prima dello spettacolo nessuno deve sapere cosa dirò, dopo nessuno deve capire cosa ho detto" e "se mi va voglio poter invadere la Polonia". Poi è la volta della Rai: "Voglio salutare il direttore artistico Mazzi, il direttore di Rai1 Mazza. Un pensiero va anche a quello che in questi giorni vi ha fatto il Vaticano: il mazzo". E chiude: "Ho sentito che non vuoi presentare il terzo Festival di Sanremo. Ma mi ha chiamato la Fornero e mi ha detto che non sei a posto con i contributi. Non puoi ancora andare in pensione, devi farlo anche l'anno prossimo. Me l'ha detto piangendo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata