Sanremo, Amadeus: "Avverto responsabilità, sarà un Festival imprevedibile"
Sanremo, Amadeus: "Avverto responsabilità, sarà un Festival imprevedibile"

Il conduttore accende i riflettori sulla kermesse : "Sarà un'edizione speciale"

Ci siamo: è tutto pronto a Sanremo per la partenza del 70esimo Festival della canzone italiana, guidato da Amadeus. "Avverto la responsabilità del Festival, e soprattutto del 70esimo Festival, un'edizione speciale, l'edizione 2020 - ha detto il direttore artistico nella tradizionale conferenza stampa della vigilia -. Questo settantesimo ci obbliga anche a celebrare il passato, ma lo faremo sempre con uno sguardo al presente e al futuro. Sarà un Festival imprevedibile, e l'imprevedibilità sarà data da amici come Fiorello, Tiziano Ferro e anche Roberto Benigni. Rosario non so davvero neanche io che cosa farà, conoscete la sua imprevedibilità". Fiorello non si è smentito e ha fatto una vera e propria irruzione in sala stampa, per sdrammatizzare con le sue battute la liturgia sanremese. Lo ha fatto soprattutto scherzando sulle polemiche contro Amadeus, tornando a difenderlo: "Una polemicuccia ancora nulla? Lui non lo fa apposta, quando dice delle cose si trova in situazioni, non si rende conto. Sanremo trasforma le persone: tu sei la persona più buona del mondo, ma Sanremo ti ha trasformato in un mostro, il nemico pubblico numero uno. Io ti starò al fianco, né un passo indietro né un passo avanti", ha scherzato riferendosi alla battuta sul 'passo indietro' costata ad Amadeus accuse di sessismo. Accuse dalle quali anche la Rai ha difeso il conduttore, che ha ringraziato per questo: "Ringrazio la Rai, l'amministratore delegato Fabrizio Salini e il direttore di Rai1 Stefano Coletta, anche il presidente di Rai Pubblicità Antonio Marano, che mi hanno dimostrato solidarietà e fiducia nel lavoro che sto facendo. L'ho sentito incondizionatamente". "Prima di venire a Sanremo - ha aggiunto il direttore artistico - sapevo che le polemiche fanno parte del Festival, ma io ho la coscienza a posto e quello che ho fatto l'ho fatto solo per la musica e per il Festival, le polemiche non mi colpiscono. Vado avanti per la mia strada".

Per quanto riguarda la kermesse sul palco dell'Ariston, è il neo direttore di Rai1, Stefano Coletta, ad anticipare qualcosa: "Sarà un Festival dei legami stretti, sarà importante anche l'aspetto umano. Restituirà un codice valoriale. Ci saranno performance simboliche di grandi riunioni. Le frizioni si possono sempre ricomporre, le unioni si possono ritrovare. Sarà un Festival che vi sorprenderà, con al centro la gara ma con una buona quota di intrattenimento".

E' stata anche rivelata la divisione dei cantanti in gara tra prima e seconda serata. In entrambe le sere saranno in gara 12 dei 24 big e 4 delle 8 Nuove Proposte. All'esordio saliranno sul palco dell'Ariston Achille Lauro, Alberto Urso, Anastasio, Bugo e Morgan, Diodato, Elodie, Irene Grandi, Le Vibrazioni, Marco Masini, Raphael Gualazzi, Riki e Rita Pavone. Le Nuove Proposte saranno gli Eugenio in Via Di Gioia, Fadi, Leo Gassman e Tecla Insolia.

Il rapper Junior Cally, al centro delle polemiche pre Festival, sarà in gara nella seconda serata, mercoledì. Con lui gli altri 11 big che non hanno partecipato alla prima serata: Elettra Lamborghini, Enrico Nigiotti, Francesco Gabbani, Giordana Angi, Levante, Michele Zarrillo, Paolo Jannacci, Piero Pelù, Pinguini Tattici Nucleari, Rancore, Tosca. Per le Nuove Proposte sul palco dell'Ariston saliranno Fasma, Gabriella Martinelli e Lula, Marco Sentieri e Matteo Faustini.

L'attesa è anche per le performance in termini di ascolti, ma Coletta ha spiegato: "Le modifiche al programma della prima serata rispetto allo scorso anno non permetteranno di fare un raffronto immediato. Lo scorso anno c'erano tutti i 24 big in gara la prima sera, quest'anno abbiamo 12 big, quattro Nuove Proposte e momenti di intrattenimento di tipo diverso". Sull'obiettivo, ha detto, "lo scorso anno la prima serata fece il 49,51% di share. Ci auguriamo uno share non dico più alto, ma significativo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata