Salone Libro 2016: focus su cultura e letteratura araba
Hanno già confermato la loro presenza il direttore del Museo del Bardo di Tunisi, Moncef Ben Moussa, e il poeta siriano-libanese Adonis

Nell'edizione 2016 del Salone del Libro al posto del Paese ospite d'onore arriva una nuova formula che offre un focus allargato e traversale su realtà culturali che superano le rigide divisioni degli Stati nazionali. A criteri puramente geopolitici subentrano più ampi criteri geoculturali. È il caso della letteratura e della cultura araba, che dal Marocco all'Iraq offre un quadro quanto mai mosso e variegato, che ci aiuta a capire l'anima profonda e segreta di Paesi.
Il Salone ha l'ambizione di mettere insieme le voci utili a compilare una sorta di 'vocabolario dell'arabo nuovo', che parta da una lettura critica della storia che abbiamo alle spalle. In questo compito Il Salone si avvale della competenza e della passione di un nutrito gruppo di arabisti italiani e internazionali, che fanno capo a Paola Caridi e a Lucia Sorbera dell'Università di Sidney, con il concorso attivo di giovani studiosi torinesi.

Hanno già confermato la loro presenza il direttore del Museo del Bardo di Tunisi, Moncef Ben Moussa; il poeta siriano-libanese Adonis, considerato l'autore più significativo della lirica in lingua araba, ma anche lucido osservatore delle derive dell'Islam radicale; il narratore algerino Yasmina Khadra (nome d'arte di Mohamed Moulessehoul), che nel suo ultimo libro ha ricostruito le ultime ore di Gheddafi.

Anche l'edizione 2016 sarà ricca di ricorrenze. I 70 anni della fondazione della Repubblica italiana offrono l'occasione di tracciare un bilancio di questa nuova fase della vita unitaria mentre in campo letterario, ricorrono i 500 anni della prima pubblicazione dell'Orlando furioso, un poema che ha goduto di una fortuna ininterrotta e ha ispirato un'amplissima produzione figurativa in tutta Italia. Due tra i massimi autori delle letterature europee, Miguel de Cervantes e William Shakespeare, sono morti a distanza di un giorno nell'aprile 1616: verranno ricordati con cicli di letture, incontri e dibattiti.
Ricorrono anche i cento anni della prematura scomparsa di Guido Gozzano, l'indimenticato poeta delle care cose di pessimo gusto, tra malinconia e ironico distacco, e della nascita di Natalia Ginzburg.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata